ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

10 architetture strane che sfidano le leggi della natura

Ecco cosa esce su Instagram quando cerchi l'hashtag #crazyarchitectures

Photo courtesy: Hélène Binet

Il centro culturale Heydar Aliyev progettato da Zaha Hadid in Azerbaijan

Se siete alla ricerca di architetture strane, siete nel posto giusto!

Dalla sede della televisione nazionale a Pechino, alla Walt Disney Concert Hall a Los Angeles, passando per la cappella ispirata all'amore tra due coniugi a Hiroshima, fino alla sede della DZ Bank a Berlino. Ecco 10 opere architettoniche che, per la loro forma e difficoltà di realizzazione, non smetteranno mai di stupirci.

 

Un post condiviso da #1 Vacation/Travel Page (@ig.vacation) in data:

Casa Danzante, a Praga

Così è soprannominato l’edificio per uffici al centro di Praga, progettato dall’architetto croato Vlado Milunic in cooperazione con il canadese Frank Gehry. Il palazzo, che sorge lungo il fiume nel quartiere di Nove Mesto, ne ha sostituito un precedente, distrutto dai bombardamenti avvenuti aPraga nel 1945. Costruito tra il 1994 e il 1996, lo stile non convenzionale del palazzo è’ stato supportato dal presidente ceco Vaclav Havel, che sperava diventasse un centro di attività culturali. Inizialmente denominata “Fred and Ginger” (riferendosi a Fred Astaire e Ginger Rogers), la struttura ricorda una coppia di ballerini, e mescola elementi dello stile Neobarocco, Neoclassico e Art Nouveau, correnti distintive dell’architettura di Praga.

Un post condiviso da Buildings_ID (@buildings_id) in data:

Sede della China Central Television (CCTV), a Pechino

Completato nel dicembre 2008 a seguito dell’inizio dei Giochi Olimpici estivi 2008, il nuovo quartier generale di CCTV stato progettato da Rem Koolhaas e Ole Scheeren per l’OMA (Office for Metropolitan Architecture), vincitore del concorso indetto dal Beijing International Tendering Co. per la costruzione dell’edificio. Il grattacielo è un anello continuo formato da sezioni orizzontali e verticali e aperto al centro: una vera e propria sfida strutturale, sia per la sua forma del tutto inconsueta, ma ancor più perché sorge in una zona sismica.

Un post condiviso da telesniuk (@telesniuk) in data:

Walt Disney Concert Hall, a Los Angeles

Sede della Los Angeles Philharmonic Orchestra e dotato di 2265 posti a sedere disegnati da Poltrona Frau in esclusiva, questo teatro unico nel suo genere è stato disegnato da Frank Gehry, anche se fu Lillian Disney, vedova di Walt Disney, a gettare le basi per quest’opera, donando 50 milioni di dollari nel 1987.

Dotato di quattro ingressi, l’edificio ha presentato notevoli sfide strutturali nel corso della sua realizzazione, prima fra tutte l’integrazione con il contesto urbano circostante, che ha portato il progettista a creare una serie di percorsi a zig-zag, suggeriti dalla pavimentazione, che conducono il visitatore all’interno del teatro attraverso una serie di colonne. Uno spazio puro ed ermetico dove regna la geometria delle linee, in forte contrasto con l’esplosiva asimmetria esterna Il risultato? Una tensione spaziale, amplificata maggiormente dal contrasto fra i materiali: cemento all’interno, calcare francese e acciaio inossidabile all’esterno.

Cube Houses, a Rotterdam e Helmond

Pensate dall’architetto Piet Blom, le Cube Houses sono una serie di case innovative costruite a Rotterdam ed Helmond, in Olanda. Il concetto, si basa sulla costruzione di case ad alta concentrazione ma con spazio sufficiente a livello del suolo, grazie all’ottimizzazione dello spazio all’interno e nella parte superiore dell’edificio. Il progetto di Blom è una sorta di villaggio all’interno della città stessa, dove ogni casa rappresenta a sua volta un albero, e tutte le case insieme formano una foresta urbana.

Un post condiviso da Crazy Architectur (@crazyarchitcture) in data:

Ribbon Chapel, a Hiroshima

Il suo nome significa “cappella a fiocco”. Realizzata da Hiroshi Nakamura & NAP Architects, è una cappella nuziale collocata in uno dei giardini del Bella Vista Sakaighama Resort Hotel. Attraverso l’intreccio delle sue scalinate a spirale, l’architetto ha creato una struttura senza precedenti, rappresentazione architettonica del concetto di unione nuziale. Nello stesso modo in cui le vite degli sposi si snodano in direzioni differenti prima di incontrarsi, le due scalinate si intrecciano senza mai toccarsi per oltre 15,4m di altezza, alla sommità dei quali, finalmente, si incrociano dando vita ad un unico fiocco. Al centro si trova la cappella, la cui navata guarda verso un albero simbolico, davanti al quale si trova l’altare con vista sull’oceano.

Un post condiviso da Crazy Architectur (@crazyarchitcture) in data:

The Conifer Cone, a Montpellier

In occasione della manifestazione architettonica “Modern Follies”, nella cittadina Francese di Montpellier, l’architetto giapponese Sou Fujimoto e Manal Rachdi OXO hanno collaborato alla creazione di un progetto ispirato da una forma primordiale presente in natura: la pigna. Prendendo spunto dalla vita degli abeti secolari,alcuni dei quali arrivato ad oltre 5000 anni di etàimponendosi come la specie vivente più longeva al mondo, gli architetti hanno preso in considerazione i molteplici cambiamenti avvenuti attorno a questi vecchissimi organismi nel corso dei secoli, disegnando una serie di edifici che si propongono come elemento di sincronizzazione tra la il passato e l’età moderna, tra l’umanità e la natura.

Un post condiviso da Timothy Resopawiro (@timothyresopawiro) in data:

La Città delle Arti e delle Scienze, a Valencia

Questo complesso architettonico composto da cinque differenti strutture, divise in aree tematiche dedicate ad arti, scienza e natura, sorge sul vecchio letto del fiume Turia. Progettato dagli architetti Santiago Calatrava e Felix Candela, il progetto è un grande esempio di architettura organica, capace di armonizzare gli elementi all’avanguardia della struttura, senza penalizzare la forte tradizione mediterranea legata al luogo, e che richiama il mare e il sole attraverso il gioco di colori tra l’azzurro dei grandi stagni d’acqua a cielo aperto e il bianco del cemento. La forma dell’edificio è ispirata a quella dell’occhio umano, la cui metà superiore, costruita da Calatrava, è virtualmente completata ad occhio del visitatore, grazie al riflesso nello stagno collocato di fronte all’edificio stesso.

Un post condiviso da @kasia_klon in data:

ArtScience Museum, a Singapore

Collocato nel centro di Downtown Core, l’ArtScience ha aperto nel 2011 ed è oggi il primo museo di arte e scienza al mondo. Disegnato dall’architetto Moshe Safdie, la struttura del museo evoca la forma di un fiore di loto. Ancorato ad una solida base al suo centro, l’edificio si snoda in dieci estensioni chiamate comunemente “dita”, ciascuna delle quali è pensata per ospitare diverse gallerie, e i cui muri arcuati sono illuminati dalla luce naturale che colpisce la sommità di ciascuna estensione.

Un post condiviso da @mcd604 in data:

Heydar Aliyev Center, a Baku

Realizzato da Zaha Hadid nel 2012 e pensato per diventare il fulcro delle attività culturali dello stato, l'edificio vuole trasmettere il sentimento di ottimismo positività di una nazione volta al futuro. La sua superficie, unica e in estrema armonia con l’ambiente circostante, si compone di elaborate formazioni come onde, biforcazioni e pieghe. Il centro culturale si trova nella piazza diventata il palcoscenico di un luogo volto ad accogliere e indirizzare i visitatori verso i suoi diversi livelli.

Un post condiviso da g ! (@gifloner) in data:

DZ Bank, a Berlino

Uno degli edifici più interessanti tra quelli progettati da Frank O. Gehry, DZ Bank è un complesso di uffici e appartamenti all’interno di Praiser Platz 3 a Berlino. Direttamente di fronte alla Porta di Brandeburgo, si trovano gli uffici della Deutsche Zentral-Genossenchaftdbank, mentre sul lato opposto sorge un ampio complesso residenziale. Le due strutture sono separate da un atrio maestoso, pensato per ospitare conferenze o spettacoli. Questa zona, è anche la parte più scenografica, ricoperta di un soffitto di vetro a grata curvato in una forma complessa che ricorda gli elementi tipici dell’architettura di Gehry.

Un post condiviso da Samantha Tan (@sammy6068) in data:

Marina Bay Sands, a Singapore

Dichiarato il casinò più costoso al mondo, il Marina Bay Sands di Singapore stato inaugurato nel 2010 come resort integrato, famoso oggi per l’infinity pool che troneggia al di sopra dell’edificio principale. Progettato da Moshe Safdie, il palazzo e’ ispirato alla forma di un mazzo di carte e si compone di tre alberghi situati all’interno delle tre torri che ne sorreggono la struttura, oltre a ospitare il museo dell’arte e della scienza e un centro per congressi che accoglie oltre 45,000 persone.

SCOPRI I PROFILI INSTAGRAM DA SEGUIRE SECONDO ELLE DECOR:

5 profili Instagram da seguire al Salone
5 profili instagram da seguire se ami viaggiare
10 illustratori da seguire su Instagram
10 gallerie di design da seguire su Instagram
10 architetti da seguire su Instagram


di Valentina Mariani – Ha collaborato: Carlotta C. Buosi / 5 Aprile 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Street basket a Pigalle

Il playground più cool di Parigi è a Pigalle

installazioni

[Architettura]

Un nuovo museo in Qatar

Jean Nouvel firma la nuova sede del National Museum of Qatar di Doha

musei

[Architettura]

La Valletta in 10 tips

Alla scoperta di una delle città più sottovalutate d'Europa

itinerari

[Architettura]

I pinguini e l’architettura

Il video che mostra l’Iceberg di Aarhus abitato dai pinguini

costume

[Architettura]

Riscoprire il Danubio

Il restyling di una casa galleggiante sul fiume in Romania

mini case

[Architettura]

Sorvolare la foresta senza ali

Un percorso sugli alberi che si fonde con la natura

progetti

[Architettura]

Palermo moderna

Il volto sconosciuto della capitale della cultura 2018

itinerari

[Architettura]

Zaha Hadid e l'Italia

Una mostra e un itinerario per scoprirla nel nostro paese

mostre

[Architettura]

Milano non ti conosco

8 indirizzi davvero sconosciuti da scoprire

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web