ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Un moderno giardino pensile

Burnley Living Roofs. Quando il verde cresce sui tetti

I Burnley Living Roofs, progettati da Studio Hassell sui tetti dell'omonimo campus presso l'University of Melbourne in Australia, illustrano come superfici urbane inutilizzate possano essere di beneficio all'ecologia delle metropoli moderne.

Si tratta di un intervento architettonico green dal duplice scopo: da una parte quello di valorizzare e rendere più piacevole uno spazio altrimenti destinato ad essere semplice copertura; dall'altra quello più sostenibile di ridurre il consumo energetico, mitigare i dissesti idrogeologici e promuovere la biodiversità.

Il team di architetti, in collaborazione con i ricercatori dell'università australiana, hanno quindi optato per un progetto che fungesse sia da laboratorio di ricerca (Research Roof), sia da habitat per la biodiversità (Biodiversity Roof), sia da spazio espositivo interattivo (Demonstration Roof). Sono nati con questo intento i 3 giardini pensili progettati ed è qui che è entrata in gioco l'architettura.

Passerelle in legno delineate da un perimetro/contorno rosso creano un senso di ordine in un ambiente altrimenti reso caotico dalla diversità dei fiori e delle piante tenute perennemente sotto osservazione dai ricercatori dell'università. Il progetto ricorda la High Line di New York, il parco sopraelevato ricavato da binari dismessi nel Meatpacking District. Come nel progetto di Diller, Scofidio + Renfro, anche qui si nota la perfetta simbiosi tra il vecchio (in questo caso il tetto dell'edificio) e il nuovo (percorso sopraelevato e flora).

Completano il progetto elementi riciclati (pezzi di legno e tegole) utilizzati nelle aiuole per rendere più verosimile il biosistema agli uccelli, rettili e insetti, e le griglie in metallo per evitare di calpestare le diverse specie vegetali. 


di Eugenio Cirmi / 13 Novembre 2013

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Una moderna Ca’ Valentino

Il secondo flagship store londinese del brand è firmato Chipperfield

negozi di design

[Architettura]

Filarmonica marina

Tra hub creativo e città d’acqua: così cambia lo skyline di Amburgo

Edifici pubblici

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web