ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Carsten Höller a Weil am Rhein

La Torre a scivolo è l'ultima opera d'arte inaugurata negli spazi del Vitra Campus

Un'installazione di poco meno di 31 m è il nuovo totem del Vitra Campus di Weil am Rhein. Presentata al pubblico il 18 giugno 2014, la Torre a scivolo dell'artista contemporaneo Carsten Höller è un simbolo panoramico con un caratteristico orologio all'estremità superiore.

Il Campus, inaugurato nel 1984 con la scultura Balancing Tools di Claes Oldenburg e Coosje van Bruggen, è in continua evoluzione: dal Vitra Design Museum di Frank Ghery del 1989 al padiglione per le conferenze progettato da Tadao Ando; dalla Stazione dei vigili del fuoco di Zaha Hadid del 1993 alla VitraHaus di Herzog & de Meuron del 2010 fino allo stabilimento industriale progettato da SANAA e alla nuovissima Àlvaro Siza Promenade.

Questa volta il desiderio del committente, in accordo con l'artista belga, era di sviluppare un'opera d'arte che fosse all'altezza dell'imponente architettura del Campus e offrisse ai visitatori un'esperienza unica.

«Uno scivolo è una scultura che ha un aspetto estremamente pragmatico, una scultura in cui si può viaggiare. Un elemento che consente di vivere un'esperienza emotiva che spazia dal divertimento alla follia». Questo il racconto dell'artista abituato a rimaneggiare l'esperienza e lo spazio dell'arte con installazioni sperimentali che invitano la partecipazione attiva del pubblico.

La struttura, costituita da tre pilastri in acciaio inclinati e convergenti, sostiene nel punto di intersezione un orologio girevole del diametro di 6 metri. La torre, accessibile attraverso una rampa di scale, è dotata, a un'altezza di 17 metri, di una piattaforma panoramica che è anche il punto di partenza dello scivolo a tubo lungo 38 metri.

Una curiosità? L'orologio, una circonferenza senza numeri che rappresenta idealmente passato, presente e futuro, non è espressamente pensato per leggere l'ora. Le lancette, illuminate anche nelle ore notturne, ogni dodici ore formano, per un breve momento, il logo Vitra.

Sito:
www.vitra.com


di Benedetta Lamberti / 23 Giugno 2014

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Le location del potere

Le ambientazioni del film di Sorrentino, tra cinema e realtà

Costume

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web