ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Una casa in cemento

A Melbourne i KPDO progettano un’abitazione custom made

Un involucro neutro e minimale come fosse la tela ancora immacolata del pittore. Questa l’idea di partenza della designer australiana Kerry Phelan dello studio KPDO (Kerry Phelan Design Office) che, in collaborazione con Neometro, ha progettato la Casa n 10 a Melbourne, in Australia. Un volume chiuso, in piastre di cemento a vista, realizzato anche per consentire al proprietario di sovrapporre alla struttura il proprio stile, la propria personalizzazione.

Una serie di piani ortogonali tra loro organizzano e distribuiscono lo spazio: sia internamente che esternamente. Le regole di progettazione passiva hanno influito sia sulla distribuzione interna, che sulla struttura dell’involucro di confine. Le aree living ricevono luce naturale da est durante le ore mattutine. Nel pomeriggio il soggiorno e le camere dedicate al sonno ricevo sole da ovest. Ampie vetrate negli spazi comuni, finestre ridotte al minimo, nelle camere da letto. Alcune tende esterne aiutano a minimizzare il carico termico verso l’intero.

Molti gli accorgimenti per incrementare la sostenibilità: dalle aperture per la ventilazione trasversale, all’esposizione privilegiata di alcuni soffitti a est per immagazzinare calore diurno e rilasciarlo nelle ore notturne o l’utilizzo dell’acqua piovana raccolta per l’irrigazione del giardino al piano terra.

Pensata come uno scrigno, è dotata di un filtro green che circonda e contiene l’intera abitazione. La vasca d’acqua, le palme autoctone ripiantate e le essenze arboree rampicanti, vengono sempre traguardate dall’interno. Molte sono le vetrate alte e strette che inquadrano un pezzo di paesaggio privato. L’effetto, scenografico, tiene insieme in modo originale natura e artificio. 

 


di Benedetta Lamberti / 12 Novembre 2013

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Emozione vs. funzione

La nuova architettura organica di MAD Architects parla cinese

Edifici pubblici

[Architettura]

Grattacielo annunciato

A Toronto iniziata la costruzione del The One di Foster + Partners

progetti

[Architettura]

Milano, 3 eventi imperdibili

Moda, cinema e design il weekend più caldo di ottobre è a Milano

Itinerari

[Architettura]

Da città fantasma a...

Insieme a un nuovo nome, la città si prepara per un nuovo destino

progetti

[Architettura]

Lo zen e l'arte del giardino

Il Japanese Garden di Portland è il tempio della pace

green design

[Architettura]

New memorial per Libeskind

Una stella di David contro le forme "razionali" dello sterminio

Architettura contemporanea

[Architettura]

L'osservatorio da abitare

Un nuovo concept a Roccascalegna, perla medievale in Abruzzo

progetti

[Architettura]

Ritorno al futuro a Dubai

Itinerario alla scoperta di una città che ha già un piede nel futuro

itinerari

[Architettura]

Un Museo della Romanità in Francia?

A Nîmes il progetto di de Portzamparc, tra storia e modernità

Musei

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web