ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Charlotte Perriand, il modernismo è donna

Charlotte Perriand, pioniera del design d’avanguardia con Le Corbusier, Jeanneret e Prouvé: un libro racconta la sua esperienza giapponese e l’incontro di due culture.

Charlotte Perriand, un nome legato alla straordinaria stagione del design e dell’architettura del Novecento. Ma anche un nome - insieme a quello di Eileen Gray - che spezza un’egemonia fino agli anni ‘30 tutta al maschile. A questa pioniera dell’avanguardia modernista, che ha promosso un profondo rinnovamento dei valori estetici e della cultura dell’abitare, oggi è dedicato l’interessante volume Charlotte Perriand et le Japon, che analizza il soggiorno orientale della designer francese.

Un’opportunità fondamentale e irrinunciabile che, dopo la decennale collaborazione dal 1927 al 1937 con lo studio di Le Corbusier e Pierre Jeanneret (dove sono stati progettati mobili icona nella storia del ’900), convince Charlotte a trasferirisi in Giappone - dal 1940 al 1946 – su invito del Ministero del Commercio e dell’Industria che le assegna il compito di definire nuovi orientamenti e nuove strategie da applicare alla produzione industriale nipponica. In questo periodo, studiando l’architettura e la cultura del paese e visitando università, laboratori e botteghe artigianali, Charlotte si rende conto della straordinaria opportunità di portare in Giappone tecnologie e iter progettuali applicati in occidente e, al tempo stesso, di introdurre invece in America e in Europa la cultura dell’abitare e la poetica orientali. Ma decide anche di sperimentare materiali locali, con una preferenza per il bambù considerandolo un’alternativa all’acciaio tubolare, preferito all’epoca dai maggiori architetti occidentali.

In occasione del Salone del Mobile di Milano, Cassina propone nel suo showroom di via Durini 16 una mostra dedicata all’opera di Le Corbusier e Charlotte Perriand (fino al 19/4) e fa sfilare nella collezione “I Maestri” le riedizioni di alcuni pezzi della designer francese, tra i quali anche la più giapponese delle sue creazioni: i tavolini colorati Petalo del 1951, perfetta sintesi dei temi chiave della cultura orientale: i fiori e le nuvole. Charlotte Perriand et Le Japon, di Jacques Barsac, Éditions Norma, 336 pp., € 68, distr. Books Import, Tel. 02.29400478


di Francesco Nisi / 23 Giugno 2010

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Che ne è di Palmira?

Mostre digitali e non per tenere in vita l'architettura mediorientale

mostre

[Architettura]

Notte bianchissima

Uno chalet tradizionale ricavato da un enorme blocco di neve

hotel

[Architettura]

Il cielo in una terrazza

Un bianco gioco di volumi per una specialissima casa con vista

casa vacanze

[Architettura]

4 architetti innamorati

Storie d'amore e di complicità in attesa di San Valentino

San Valentino

[Architettura]

Architettura pop

Ma anche rock o elettronica: 13 videoclip in architetture famose

Costume

[Architettura]

Nella natura a Buenos Aires

Una casa nel parco, completamente di legno, per chi ama il silenzio

Case in legno

[Architettura]

Country pink

4 ville con piscina firmate dal più eclettico architetto coreano

case con piscina

[Architettura]

Tra cocooning e natura

In Cile una casa avvolta dalle querce di una foresta privata

Case in legno

[Architettura]

La giungla in hotel

Pareti verdi e piante tropicali per un albergo in Vietnam

hotel

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web