ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Details, Architecture seen in section a Milano

In mostra i particolari dei progetti realizzati da 200 studi nazionali ed internazionali

Caratterizzante quanto il profilo di una persona, la sezione in architettura è il disegno anatomico per eccellenza. È questo il focus di DETAILS, architecture seen in section, una mostra che fonda la sua ricerca ed enuclea l'eleganza di questo elaborato architettonico.

Dopo la prima edizione a Venezia, negli spazi dello IUAV durante la XVI Biennale di Architettura, l’edizione 2015 inaugura oggi presso lo spazio mostre Guido Nardi della Scuola di Architettura e Società del Politecnico di Milano con una conferenza in cui saranno presenti Yvonne Farrell per Grafton Architects, studio irlandese che a Milano ha progettato la sede della Bocconi, Peter Maerkli, architetto svizzero professore dell'ETH di Zurigo, e Christian Schittich, direttore della rivista DETAIL.

Tornando al tema di Details, la sezione, oltre a mostrare lo sviluppo longitudinale dell'edificio e l'interazione funzionale degli spazi che lo compongono, permette una lettura delle relazioni tra pelle e corpo, tra contenitore e contenuto. E, quando scende nel dettaglio, lascia che si assapori la sinergica armonia delle singole componenti che danno qualità estetica e tecnica al tutto.

Questi nobili concetti hanno ispirato il curatore Marco Pogacnik, del Dipartimento di Architettura, Costruzione e Conservazione dello IUAV di Venezia, in collaborazione con Orsina Simona Pierini del Politecnico di Milano. Il suo approccio è stato quello di raccogliere materiale su due fronti: da un lato più di 200 disegni di studi nazionali e internazionali, ognuno dei quali ha prodotto elaborati che affiancassero al dettaglio in sezione un abstract del loro approccio a questo progetto ed al suo utilizzo e ruolo nella pratica quotidiana dello studio. Una seconda sezione, divisa in due - Elements&Issues e Masters -, cataloga la ricerca degli studenti dello IUAV e del Politecnico di Milano sui lavori e sui progettisti di maggior rilievo del periodo successivo alla Seconda Guerra Mondiale. Il tutto raccontato in un catalogo online, accessibile a tutti i curiosi. Visitabile fino al 27 febbraio 2015.

www.detailsinsection.org


di Flavia Chiavaroli / 11 Febbraio 2015

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Filarmonica marina

Tra hub creativo e città d’acqua: così cambia lo skyline di Amburgo

Edifici pubblici

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web