ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Crash: Demolition Party a Roma

L’Hotel Locarno si rinnova. Con un evento tra arte e architettura

Fare della ristrutturazione di un Hotel un’opera d’arte per mettere in luce la storia nascosta, per rivelare relazioni inaspettate, per far affiorare tracce di passaggi passati: questo il concept dell’evento Crash che si è svolto il 15 novembre 2013 e sarà visibile in maniera permanente fino al 24 novembre 2013 all’Hotel Locarno a Roma.

Un luogo tra eleganza e understatement che, dal 1925 a pochi passi da piazza del Popolo, è da sempre, l’indirizzo di riferimento per il mondo dell’arte, del cinema, della letteratura. Un vero e proprio contenitore culturale nel quale artisti di fama internazionale come Federico Fellini, Giulietta Masina, Michelangelo Pistoletto, Pietro Cascella, Francesco Clemente, Enzo Cuocchi, John Malkovich, William Defoe, Louis Sepulveda, Daniel Pennac hanno trovato ospitalità.

In occasione del restyling dell’albergo, le due proprietarie Maria Teresa Celli e Caterina Valente, hanno voluto ospitare questa installazione per sottolineare il forte legame esistente tra l’Hotel Locarno e il mondo dell’arte. L’istallazione Crash di Nicola Pellegrini e Ottonella Mocellin parla di trasformazione. L’idea di rinnovamento contiene quella di memoria. L’hotel come luogo di passaggio, di transito. I muri dell’albergo sono sempre gli stessi, ma sono vissuti e consumanti da storie e persone sempre differenti. Scavare per credere.


di Benedetta Lamberti / 19 Novembre 2013

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

[Architettura]

Il ponte infinito

A Changsha un’infrastruttura oltre i confini dell’immaginazione

Architettura contemporanea

[Architettura]

Casa sulla cascata

Una grande villa in legno e granito ispirata alla casa di Wright

architettura contemporanea

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web