ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il codice Caruncho

Dalle Americhe al Mediterraneo

Dalle Americhe al Mediterraneo, i giardini di un filosofo che si interroga sull’ordine segreto delle cose. La risposta? La geometria. Che è già in natura, basta svelarla

Se le cose hanno un ordine segreto, i giardini sono uno dei posti migliori per scoprirlo. Ti metti a guardarli e aspetti che si riveli. Può durare una vita la questione, “oppure, come è capitato a me, mi sono messo a farli”: non è una scorciatoia, questa è stata la vita di Fernando Caruncho. Nato a Madrid, una predilezione maniacale per la Grecia classica e gli orti islamici, non devi dirgli che è un paesaggista. E non è un caso, forse, se per scoprire il codice che si nasconde nella natura ha studiato filosofia, non architettura dei giardini. Un giro largo che, partendo dalle prime esperienze galiziane o nell’austera Andalusia, lo ha condotto a disegnare spazi terreni come fossero quelli della mente: “Non è questione di bello o brutto. Il bello arriva se si pensa semplice. È la semplicità a essere dentro l’ordine naturale”. Tuttavia, semplici i suoi giardini non sono, ma lo sembrano quando sono finiti: le onde dei bossi o le griglie degli alberi come una scrittura, l’importante è imparare l’alfabeto. “Io arrivo”, dice, “e guardo quello che c’è intorno. C’è sempre una logica se il panorama si è definito in un certo modo. Bisogna un po’ piegarsi, non piegarlo a quello che hai in testa magari prima di arrivare”. Dalla Florida all’Inghilterra (Oxford e la campagna più classicamente verde), adesso è in Italia. Sta tra la Toscana e la Puglia. Al sud, vicino a Massafra, ha ritrovato gli spazi iberici muovendo un vigneto come se si fosse messo a pettinare i filari a onde; a Sant’Antimo o a San Giovanni d’Asso ha rivisto invece l’idea occidentale del mondo tra selciati di pietra e verde autunnale. “La diversità dei mondi”, spiega, “non è un ostacolo. I miei amori sono ancora i giardini arabi dell’Alhambra ma anche quelli di Caprarola o di Bagnaia: non è importante la cultura ma il codice. E il codice è la geometria”. La geometria, ecco il punto. Serve nel progetto a dare forma e significato agli spazi. È la grammatica stessa del giardino: “Se lo spazio e il tempo sono i due parametri, la geometria è il mezzo per esprimerli. È così dentro le cose che più di una volta mi è capitato di disegnare un parco e di ritrovarvi, senza volerlo, le proporzioni della sezione aurea”.

Altra questione, la luce. È un’ossessione. Il rapporto tra architettura, paesaggio e cielo passa da lei: attraverso l’uso prospettico dell’acqua che rifrange le foglie lucide, oppure in chiaroscuro. O dentro le esperienze del giardino orientale e quello giapponese in particolare, che si riflette nel taglio ondulato e rigorosamente organico di certe siepi: “L’importante è decifrare. Le cose ci sono già. Anche la luce c’è sempre, pure dove sembra difficile tirarla fuori. Occorre scoprire la sua lingua”. Adesso Caruncho è capace di dire cose che fanno paura ai paesaggisti contemporanei: prospettiva, simmetria, geometria. Oggi che si assiste al trionfo della con-fusione. Ma la mano è ferma: “Siamo stati tutti contaminati dalle ideologie, ma la luce, il tempo, il verde sono onde che non si fanno piegare. Il mio obiettivo? Dare sempre a un posto il suo momento di splendore”.

Per informazioni: www.fernandocaruncho.com


di P. Campostrini, A. Scaravella / 28 Ottobre 2011

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

[Architettura]

Il ponte infinito

A Changsha un’infrastruttura oltre i confini dell’immaginazione

Architettura contemporanea

[Architettura]

Casa sulla cascata

Una grande villa in legno e granito ispirata alla casa di Wright

architettura contemporanea

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web