ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Intervista a John Pawson + VIDEO

L'architetto, il minimalismo e la personale

A tu per tu con l’architetto britannico, considerato il padre del minimalismo. Occasione: la personale al Design Museum di Londra e la monografia Plain Space.

Londra, ore 10 del mattino. Entriamo in punta di piedi nello studio di John Pawson immaginando un ordine perfetto e un’atmosfera rarefatta alla Plain Space, dal titolo della retrospettiva e del volume fresco di stampa. In realtà, i due piani sono occupati da collaboratori e postazioni che non disdegnano post-it, modellini in legno, carte e giornali. L’architetto in total white è però perfettamente in sintonia con lo spazio.

La personale al Design Museum di Londra e la monografia di Alison Morris ripercorrono la tua carriera: perché adesso?
Bella domanda. Tutta la mia vita è stata all’insegna del caso e della fortuna. Ho seguito la corrente, senza fare piani. L’idea della mostra è nata due anni fa, ma ho dovuto aspettare il mio turno, dopo Richard Rogers, Zaha Hadid e David Chipperfield. Dieci anni fa una personale sarebbe stata perfetta: l’unico motivo per cui a un certo punto della propria carriera si fa una mostra è per marketing (sorride). Oggi è un modo per padroneggiare e capire il mio lavoro. Per restituire agli altri qualcosa. Eper far capire al visitatore l’architettura. Il libro non è marketing: è un rivedersi.

Com’è concepita Plain Space?
Invece di una retrospettiva - non mi piace chiamarla così - va vissuta come una prospettiva. Racconta cosa c’è dietro lo studio. Vuole comunicare l’esperienza dell’architetto in una promenade dove l’architettura è narrata da immagini fotografiche oversize e da grandi campioni dei materiali usati. Come si arriva da un foglio bianco all’opera compiuta. È il caso del monastero di Our Lady of Nový Dvur, di cui rintracciamo l’intero iter, fin dalle prime lettere scambiate con i monaci. Su una parete, una linea del tempo racconta la mia vita e i miei progetti. Imiei primi 30 anni, il matrimonio, la nascita dei figli, e i 30 anni da architetto, dalle commissioni per Hester van Royen e per Bruce Chatwin. Erisulta evidente che quando si è giovani e pieni di energie, il lavoro scarseggia, mentre la situazione si capovolge quando si è più vecchi. Più lavoro e meno energie. Di fatto la vita professionale di un architetto inizia a 50 anni, l’inverso di un matematico, di un compositore, di un calciatore.

Qual è lo scopo della stanza vuota che presenti in mostra?
Vuole offrire al visitatore l’esperienza fisica dello spazio. All’interno, solo una panca di legno dove sedersi e la luce che crea l’atmosfera.

Le tue architetture sono progettate con una semplicità estrema e un profondo senso di poesia. Da padre del minimalismo (sorride, “Qualcuno per errore ha scritto il Papa... un po’ imbarazzante. Altri il nonno... non esattamente un complimento) come lo consideri oggi? Una necessità in un mondo invaso da cose e oggetti?
Mi piace avere tutto in ordine, organizzato perché riesco a concentrarmi meglio. Mi piace la perfezione. Forse ho raggiunto solo un’imperfetta perfezione. Per rispondere alla tua domanda: se hai meno a disposizione (anche lo spazio), fai lo sforzo di ottenere il massimo. È un esercizio.

Lavori per due mondi totalmente opposti: il sacro, con il monastero in Boemia, e il profano, con i negozi-moda di Calvin Klein. Come concili il jet lag?
So che la gente pensa ci sia una contraddizione. Ma il mio lavoro è l’architettura, mi occupo di luce, scala e proporzione. Calvin Klein mi aveva chiesto di incontrarlo per progettare i suoi store nella direzione di un lusso moderno. Imonaci hanno visto le foto dei negozi e mi hanno chiamato. Avevano le stesse richieste: un’architettura dove vivere una vita fatta di gesti quotidiani. Unica eccezione la chiesa, dove ottenere un’atmosfera raccolta.

Hai work in progress una casa a Treviso progettata secondo criteri di sostenibiltà. Qual è il tuo approccio al green building?
Ho in corso anche un altro progetto sulla costa dello Yorkshire. 200 mq contro i 500 di Treviso. Credo che la sostenibiltà sia ormai la norma. Da materiali interamente riciclabili a edifici il più possibile autosufficienti.

La tua casa di Nottingh Hill è la tua casa ideale?
È un prototipo vivente. Povera, mia moglie! (esclama, al ricordo. Le ha negato anche il divano) Non è grande, ha una dimensione urbana ma con uno spazio verde all’aperto. Come altri casi, ho costruito l’architettura intorno alle persone: una casa è come si vive.

Come pensi sarà la casa del futuro?
Non credo possiamo immaginarcela ora. È incredibile quanto sia cambiata nel giro di pochi decenni. Gli spazi sono più fluidi, con laptop e cellulari si può lavorare e connettersi ovunque, colonizzando le stanze. Come facevano i miei figli da piccoli, con i loro giochi e oggetti. L’importante è imparare a riusare il già costruito, senza continuare a costruire ex novo. John Pawson ci saluta: al momento, nonostante 27 lavori work in progress, il suo progetto più importante è allenarsi per i 300 km in bicicletta insieme alla moglie e altri 88 ciclisti. Da Londra a Bruxelles: una tregiorni nata per raccogliere fondi per la Juvenile Diabetes Research Foundation.

Info: Design Museum, Londra, fino al 30/1/2011, designmuseum.org. Per commenti in diretta: www.plainspace.co.uk


di Laura Maggi / 14 Dicembre 2010

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

[Architettura]

Il ponte infinito

A Changsha un’infrastruttura oltre i confini dell’immaginazione

Architettura contemporanea

[Architettura]

Casa sulla cascata

Una grande villa in legno e granito ispirata alla casa di Wright

architettura contemporanea

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web