ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Un nuovo progetto firmato Zaha Hadid

Architettura in cemento armato dell'architetto anglo-iracheno a Beirut

Il nuovo Issam Fares Institute for Public Policy and International Affairs progettato da Zaha Hadid a Beirut si presenta come un volume amorfe, a metà tra un poliedro e un UFO, che si incunea nel terreno. Costruito come parte integrante del campus dell'American University (AUB) della capitale libanese, vanta un design che si amalgama con i sentieri, le aree verdi e le rimanenti strutture universitarie.

La Hadid ha voluto un progetto che creasse un forum per lo scambio di idee e per promuovere il dialogo e l'interazione proprio nel cuore pulsante dell'AUB così come la Dongdaemun Design Plaza a Seul firmata dallo stesso architetto.

Il team guidato dalla progettista anglo-irachena si è lasciato ispirare dalle altre costruzioni adiacenti in stile revivalista/modernista utilizzando il cemento armato come elemento strutturale ma anche decorativo. Non solo, ma per non sfruttare tutta la superficie a disposizione del progetto e rispettare le aree verdi circostanti, un lato dell'ISI presenta un incavo a sbalzo che sembra quasi fluttuare sulla corte sottostante.

Una costruzione imponente (circa 3.000 mq) circondata dalla tipica macchia mediterranea libanese e da alte palme che si giustappongono alle finestre e alle ampie vetrate trapezoidali che, illuminate di notte, regalano un gioco di luci ed ombre ai passanti. È la prosa costruttiva della Hadid alla quale siamo abituati con un protagonista d'eccezione: il beton brut. Può essere definito neo-brutalismo? Chi lo sa? Forse è un po' presto, ma l'archi-star, premio Pritzker nel 2004, non smette mai di stupire con il suo estro creativo.


di Eugenio Cirmi / 2 Luglio 2014

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Una moderna Ca’ Valentino

Il secondo flagship store londinese del brand è firmato Chipperfield

negozi di design

[Architettura]

Filarmonica marina

Tra hub creativo e città d’acqua: così cambia lo skyline di Amburgo

Edifici pubblici

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web