ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Joris Laarman

Videoritratto di Joris Laarman, architetto e designer, vincitore del premio EDIDA 2008 per la categoria Young Designer Talent.

Potrebbe darci un’anteprima dei progetti che presenterà quest’anno al Salone del Mobile di Milano?
“Durante la Design Week di Milano non presenteremo alcun progetto in quanto abbiamo esibito numerosi progetti a New York qualche mese va che tra l’altro sono visibili sul nostro sito”.

Il mondo dell’interior design cambia e si evolve di anno in anno. Si punta sempre di più sull’eco-sostenibilità, sul risparmio energetico e sul riuso creativo, quale direzione crede che prenda l’ambiente casa e il design nel futuro?
“Penso che il design globale prodotto in serie diventerà molto più intelligente, sostenibile e interattivo mentre localmente per gli oggetti prodotti su piccola scala si punterà sull’espressività, la creatività e sul definire nuove identità culturali attraverso l’utilizzo di nuovi metodi di produzione. L’interattività, comprensibilmente con un’attitudine low tech, coprirà un ruolo molto più importante rispetto alla maggior parte di quegli oggetti ‘morti’ che ci circondano. Ogni cosa sarà sempre più connessa ai propri utenti e ai propri ambienti. Basti pensare a cosa succederà alle nostre librerie con l’avvento e la diffusione degli e-reader o come la green energy verrà canalizzata e integrata ai materiali. Attualmente viviamo in un periodo della storia in cui stanno avvenendo numerosi cambiamenti tecnologici: una cosa molto eccitante! Dovremmo smetterla di produrre idee così come dettava il metodo industriale modernista. Bisogna accogliere a braccia aperte e sfruttare tutti i progressi scientifici contemporanei al fine di essere più creativi e ingegnosi senza compromettere le nostre basi culturali”.

Directed by Antonio Bocola and Paul Philip Carter

 

art direction Antonio Bocola

 

Director Photography Rocco Cirifino

 

Editing Maurizio Grillo, Semira Belkhir

 

termography styling Elisa Ossino

 

assistant styling Alberto Zordan

 

excutive producer Ciro Forte

 

Cameraman Ugo Perazzini

 

Video assistant Alessandro Vallotto

 

Key grip Matteo Bocola

 

Eletrician Giulio Barbetta

 

visuals software developer Tommaso Lintrami

 

administration Chiara Napoli, Claudia Gorla

 

post produzione La Magic

 

live soundtrack by Lorenzo Gasperoni (percussion), Guglielmo Pagnozzi (sax), Andrea Panini (live electronic)

 

a E-tica film division production 2008

 

Thanks Museo del Design Triennale, Milano


di Eugenio Cirmi / 7 Aprile 2010

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Filarmonica marina

Tra hub creativo e città d’acqua: così cambia lo skyline di Amburgo

Edifici pubblici

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web