ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Make up a Teodolinda

LED OSRAM per il restauro a Monza

Make up a Teodolinda

Semir Zeki, neuroscienziato presso l’University College London e pioniere nel campo della neuro estetica, sarebbe fiero del team di visionari che sta curando il restauro della affreschi della Cappella di Teodolinda all’interno del Duomo di Monza. E’ stata OSRAM a mettersi in gioco insieme ai lighting designer Serena Tellini e Francesco Iannone di Consuline e alla Fondazione Gaiani. Gli insegnamenti di Zeki sono stati messi in pratica nel riportare allo stato originale Le Storie di Teodolinda, pitture murali distribuite in 45 scene su diversi registri sovrapposti e immagini cariche di dettagli, colori, volti e di oro a rilievo o punzonato. L’intervento ha richiesto di individuare il fattore determinante fin dall’inizio della fase progettuale e il tipo di illuminazione più adatta ed efficace che consentisse di svolgere con perizia il recupero delle opere.

La collaborazione tra Consuline e Osram, supportata dall’esperienza di entrambi nel campo dell’illuminazione per l’arte, ha portato all’identificazione di una soluzione LED, più efficace e flessibile rispetto agli esistenti sistemi basati sulle classiche sorgenti fluorescenti, con risultati di color rendering (resa cromatica) e qualità della luce assolutamente unici e particolarmente adatti a creare le condizioni ottimali per l’intervento di restauro. Come ha spiegato l’architetto Tellini, “alcune lunghezze d’onda associate a un adeguato sistema di controllo consentono una precisa percezione delle cromie dei dipinti e della tridimensionalità dovuta alla stratificazione della pittura”.

“Oggi più che mai, i LED sono una risorsa e una cultura, un nuovo mondo che ci permette addirittura di guardare diversamente. La cappella è un esempio concreto”, ha commentato Iannone di Consuline e presidente PLDA, Professional Lighting Designers Association. “E’ un grande orgoglio per la Fondazione Gaiani, che ha promosso e coordina il progetto, avere come partner OSRAM e questi lighting designer”, ha spiegato Franco Gaiani, presidente dell’omonima associazione.

OSRAM ha sede a Monaco di Baviera e serve clienti in 150 nazioni. In Italia è presente a Milano e con due siti produttivi a Treviso e a Bari, le più importanti fabbriche italiane di alimentatori elettronici, moduli LED e lampade fluorescenti.


CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Grattacielo di legno

Sembrava impossibile, ma lo stanno per fare

progetti

[Architettura]

Alba albanese

Tutti i motivi per cominciare a programmare le vacanze in Albania

Travel

[Architettura]

Il sacro geometrico di Siza

L'architetto firma la chiesa di Saint Jacques de la Lande a Rennes

edifici pubblici

[Architettura]

The World is back

L'ultima follia di Dubai riemerge con un progetto di rilancio

Progetti

[Architettura]

Cani e gentrification

Cosa ci insegnano i cani di NYC, indicatori di una città che cambia

Costume

[Architettura]

Comfort zone

Aeroporti d'autore: a Oslo il primo terminal per farti star bene

edifici pubblici

[Architettura]

Il grattacielo 4.0

Carlo Ratti e BIG insieme per un grande progetto green a Singapore

progetti

[Architettura]

I giardini degli altri

Giardini giapponesi in giro per il mondo

Travel

[Architettura]

Amore e design

San Valentino nelle cinque capitali romantiche d’Europa

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali