ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Nuovi talenti: Teruhiro Yanagihara

Poesia e minimalismo dal Giappone

Una progettualità che riscopre il valore del tempo ed entra in relazione con l’uomo. Oggetti all’apparenza semplici nascondono la complessità di un gesto intuitivo e delicato che trasforma icone industriali in piccole emozioni quotidiane.

Abbandonata l’idea di diventare una star del baseball, Teruhiro Yanagihara si iscrive all’Università di Osaka. Conclusi gli studi, nel 1999, inaugura lo studio Isolationunit, dal titolo di una performance di Joseph Beuys e Terry Fox del 1970. È osservando il movimento che Turo dà forma ai suoi progetti: impercettibili alterazioni che pur mantenendone intatta la sagoma, ne stravolgono il senso. Le sue collezioni si raccontano senza bisogno di spiegazioni grazie alla semplicità ed essenzialità delle linee. Colori neutri, come da cultura giapponese, che appaiono, delicati e soft, solo per aiutare nella comunicazione del progetto. Semplice e intuitivo è il Pile, che trasforma un’icona industriale come il pallett di legno in bacheca, se appoggiato verticalmente al muro, o in panca-contenitore se impilato a terra. Ed è sempre il movimento che esplode il concept della lampada Flame: un cilindro di cristallo che cattura la luce della candela per restituirci poetici effetti stroboscopici. Quello del designer giapponese è il racconto che procede per gesti delicati. Come quello che accarezza gli elementi del vaso Shiftingvase: slittandoli, ci restituiscono una sensazione di apparente precarietà. Così il tavolo 1915, un complesso gioco di equilibri dove le forze vettoriali che reggono i piani vestono i colori di esili tubicini. Da scoprire anche la lampada Circles, come tutti i suoi pezzi: da osservare e comprendere.

www.teruhiroyanagihara.jp


CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Quanto conosci Wright?

Un ritratto fotografico in 532 edifici, molti dei quali dimenticati

Costume

[Architettura]

Pistoia Reloaded

Itinerario alla scoperta del volto contemporaneo della città

itinerari

[Architettura]

Gli occhi delle torri

Le foto di Laurent Kronental scattata dalle Tours Aillaud

costume

[Architettura]

Just do it

Watts Towers: storia di un capolavoro italiano a Los Angeles

Travel

[Architettura]

La nuova vita di Detroit

Tra le strade della ex-Motor City rialzatasi grazie alla creatività

Itinerari

[Architettura]

Lo stadio smontabile

Mondiali Qatar: Fenwick Iribarren realizza uno stadio fatto di container

Architettura contemporanea

[Architettura]

Swing in Verticale

Herzog & de Meuron firma il suo primo grattacielo residenziale a NY

casa moderna

[Architettura]

Arte immersiva

Camminare dentro un quadro? A Parigi si potrà

progetti

[Architettura]

Steven Holl riscopre Scarpa

Grazie all'architetto americano riapre la Fondazione Masieri

progetti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web