ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Premios Ceramica di Architettura e Interior Design

Consegnati a Valencia i riconoscimenti ai migliori progetti per il recupero di palazzi storici

Sono tutti molto giovani i vincitori dei Premios Ceramica di Architettura e Interior Design, consegnati durante la fiera Cevisama a Valencia. Giunto alla sua XIII edizione, il concorso ha premiato i migliori progetti selezionati dalla giuria presieduta dall’architetto Emilio Tuñón, e composta da Cino Zucchi, José Mª Sánchez, Martha Thorne, Anupama Kundoo, Fernando Márquez Cecilia e Ramón Monfort.

I premi del concorso spagnolo erano suddivisi in tre categorie: Architettura, Interior Design e tesi di Laurea in Architettura. La prima se l’è aggiudicata lo studio portoghese CAMARIM con il lavoro “Casa en Prìncipe Real”. Si tratta di un progetto di ristrutturazione di un intero edificio residenziale, nel centro storico di Lisbona. Sviluppato su cinque piani, il palazzo è stato completamente recuperato dalla coppia di architetti, nel lavoro e nella vita, Patricia Sousa e Vasco Correira. Tutta la facciata principale è stata poi completamente rivestita da ceramiche fatte tutte a mano e su misura dall’azienda Vicente Camp.

“Abbiamo scelto questa azienda spagnola”, racconta Casco Correira, “perché produce ancora tutte le sue piastrelle a mano, seguendo le più antiche tecniche di lavorazioni artigianale”. Lo studio El Fabricante de Espheras ha invece vinto il primo premio nella categoria Interior Design con il progetto “Recupero del chiostro del Palau-Castell di Betxì”. La giuria ha apprezzato la trasformazione concettuale dello spazio interno del chiostro, realizzata dallo studio spagnolo mediante l’inserimento di una grande superficie specchiante che ricostruisce virtualmente metà del cortile rinascimentale andato perduto. Infine, il riconoscimento di tesi di Laurea in Architettura è andato al progetto “Alfama 2.0” di Maria Gonzalez Aranguren, volto a riqualificare il quartiere Alfama di Lisbona reinterpretando le tradizionali facciate in ceramica portoghesi.

www.cevisama.feriavalencia.com
www.camarim.pt
www.elfabricantedeespheras.com


di Maria Chiara Antonini / 16 Febbraio 2015

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Le location del potere

Le ambientazioni del film di Sorrentino, tra cinema e realtà

Costume

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web