ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Sharifi-ha House: una casa unifamiliare a Teheran

Architettura mobile: un progetto che si modifica secondo le stagioni. Lo firma Alireza Taghaboni, dello studio nextoffice

Si trova a Teheran e il suo nome rende omaggio alle antiche ville iraniane: la Sharifi-ha House è il progetto di residenza unifamiliare che Alireza Taghaboni, fondatore dello studio nextoffice, ha firmato per i coniugi Mojgan Zare Nayeri e Farshad Sharifi Nikabadi.

Ispirandosi alla tradizionale architettura del paese – con le abitazioni dotate di due ambienti giorno, uno chiuso per l’inverno e uno aperto per l’estate – Taghaboni ha assimilato il progetto a un organismo vivente, mutante in relazione ai cambiamenti dell’habitat.

Sharifi-ha è una casa che si evolve e si trasforma secondo le stagioni grazie a tre capsule che, come le unità di un cubo di Rubik, ruotano di 90° determinando il cambiamento, non solo del disegno della facciata  ma anche degli interni, regolando il livello di comfort termico e luminoso.

Durante l'inverno le turning room sono stanze comprese nel perimetro dell’edificio; le aperture all’esterno sono limitate e la luce entra prevalentemente attraverso la grande vetrata posta in copertura. In estate tutta la struttura si apre e, grazie alla rotazione delle capsule per mezzo di sistemi meccanici, sole e aria vengono catturati mentre terrazzi coperti si aprono ai piani.

La casa unifamiliare si sviluppa in altezza con due piani interrati, dedicati a leisure e wellness, e quattro livelli sopra quello di terra che ospita il parcheggio coperto e l’accesso agli ambienti superiori. Il primo e il secondo piano sono dedicati alle attività più pubbliche e conviviali della famiglia, mentre il terzo e il quarto accolgono le camere da letto con servizi e un secondo ambiente living.

Particolare attenzione è stata posta allo studio del meccanismo di rotazione, fornito dall’azienda tedesca Bumat, al sistema di ventilazione estiva e invernale e all’analisi delle performance statiche, con simulazioni al computer delle differenti configurazioni.

Info:
www.nextoffice.ir
www.bumat.com


di Emma Bignali / 7 Gennaio 2015

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Le location del potere

Le ambientazioni del film di Sorrentino, tra cinema e realtà

Costume

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web