ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Rivisitare la modernità

Kariouk Associates firmano una casa nel verde del Canada

Come costruire una casa in un lotto di terra stretto e lungo? Parte da questo interrogativo il progetto della Stacey-Turley Residence ad Ottawa in Canada, casa per una giovane coppia con figli che unisce funzione ed estetica in un'abitazione di matrice moderna.

Lo studio Kariouk Associates per realizzarla si è ispirato ai maestri dell'architettura americana del 20° secolo, in particolar modo a Frank Lloyd Wright. Omaggio allo stile organico della Casa sulla cascata o della Gordon House, la nuova abitazione rimanda ai volumi open space suddivisi da pareti che si intersecano ortogonalmente, agli sbalzi e ai tetti piani. 

Gli architetti hanno sviluppato una pianta semplice, ma allungata, di soli 7.5m di larghezza. La struttura si erge sul retro dell'appezzamento abbracciata da una porzione di paesaggio che ha permesso di creare un piano parzialmente interrato con accesso al giardino da un lato. In  corrispondenza, al piano superiore, i volumi sono illuminati da ampie vetrate che fungono anche da parete isolante tra il verde dell'Ontario e gli interni, e da un portone con un sistema di apertura a fisarmonica.

Sul living e il dining del primo piano, una porzione del tetto a sbalzo ripara gli ambienti dal forte sole estivo mentre permette ai raggi solari invernali, che colpiscono l'edificio con un angolo inferiore, di riscaldare gli interni. Il verde degli esterni si combina ai colori pastello della zona giorno con il giallo della cucina e la parete arancio del patio che funge da trait d'union tra il retro e gli interior.

Il soggiorno, adiacente al pranzo, è caratterizzato dalla presenza di una stufa a legna in ghisa sormontata da quattro placche in bronzo sulle quali è incisa una celebre frase del filosofo tedesco Martin Heidegger. Al piano inferiore, convivono armoniosamente le camere da letto dei due figli insieme a una guest room e a un angolo divertissement. 


di Eugenio Cirmi / 3 Gennaio 2014

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Just do it

Watts Towers: storia di un capolavoro italiano a Los Angeles

Travel

[Architettura]

La nuova vita di Detroit

Tra le strade della ex-Motor City rialzatasi grazie alla creatività

Itinerari

[Architettura]

Lo stadio smontabile

Mondiali Qatar: Fenwick Iribarren realizza uno stadio fatto di container

Architettura contemporanea

[Architettura]

Swing in Verticale

Herzog & de Meuron firma il suo primo grattacielo residenziale a NY

casa moderna

[Architettura]

Arte immersiva

Camminare dentro un quadro? A Parigi si potrà

progetti

[Architettura]

Steven Holl riscopre Scarpa

Grazie all'architetto americano riapre la Fondazione Masieri

progetti

[Architettura]

La Beirut segreta

Elegante e resiliente, la capitale del Libano in un tour da intenditori

Itinerari

[Architettura]

Una stanza in mezzo al lago

Una vecchia centrale idroelettrica diventa hotel sull'acqua

hotel di design

[Architettura]

A spasso per Tbilisi

Tutto quello che c'è da vedere nella capitale della Georgia

Itinerari

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web