ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Young Talent: 4P1B Design Studio

Il gruppo di designer italiani

IDENTIKIT
Nome 4P1B Design Studio di Simone Fanciullacci, Antonietta Fortunato, Antonio De Marco e Marco De Santi
Nazionalità Italiana
Scuola Laurea Magistrale in Disegno Industriale al Politecnico di Milano
Segni particolari La capacità di creare un linguaggio di progetto basato sulla semplicità e l’intuizione. Ma anche l’attenzione alle tematiche eco. Tra gli oggetti cult, il calendario Bilancia di Enzo Mari per Danese.
Info www.4p1b.com

Sono in quattro, sono italiani, non hanno ancora trent’anni e lavorano insieme da poco più di un anno. Il loro lavoro nasce dalla semplicità di un’intuizione che prende forma e dalla coerenza del pensiero che non disattende mai i grandi temi del progetto. Come l’attenzione all’ambiente, al riuso e al risparmio energetico.

Un nome difficile, quasi un anagramma che non lascia trasparire tutta la sensibilità creativa di questo giovane team under 30 composto da Simone Fanciullacci, Antonietta Fortunato, Marco De Santi e Antonio De Marco e capace di sfiorare di volta in volta con semplicità e intuito le diverse corde del progetto. Quella eco del riuso che con il portalegna Briglia per Pinetti, recupera scampoli di cuoio rigenerato. Quella flat della flessibilità che trasforma la lampada Toy di Martinelli Luce in tavolo d’appoggio e la poltrona Filicudi in un’amaca in tessuto Kvadrat. E quella dell’illusione che fa leva su una sottile ironia per strappare il sorriso. Nascono così la lampada Moon, che usa il tessuto catarifrangente per creare un oggetto sempre luminoso, e il tavolo da caffè Mercurio, con doppio piano specchiato che riflette, svelandolo, il decoro nascosto della carta di J&V, tutti in mostra al Salone Satellite 2011. Parole come condivisione di gruppo e capacità di interagire hanno ancora un senso.


di Paola Carimati / 20 Maggio 2011

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Ora i monaci possono volare

Lo studio Mailitis disegna un Tempio per la levitazione tecnologica

Architettura Contemporanea

[Architettura]

Galleggiando sui tetti

Una casa di specchi in cima a un palazzo storico in Olanda

casa moderna

[Architettura]

Il padrone di casa è un albero

Privacy e rapporto con il paesaggio per casa Kwantes degli MVRDV

Casa moderna

[Architettura]

OMA sbarca a Dubai

Concrete è il nuovo progetto nel distretto culturale di Arsekal Avenue

Architettura contemporanea

[Architettura]

Qualche passo tra le nuvole

In Cina hanno costruito il ponte di vetro più lungo del mondo

architettura contemporanea

[Architettura]

Una casa ecologica in Messico

Un'abitazione eco-friendly che fonde modernità e tradizione

casa ecologica

[Architettura]

Comfort alla giapponese

Ecco come un architetto immagina la sua casa di Tokyo

casa moderna

[Architettura]

La città del futuro

Il primo modello di Smart District Integrale d’Italia sorgerà a Milano

Progetti

[Architettura]

Obiettivo architettura

Viaggio virtuale negli studi di architettura più belli del mondo

libri di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web