ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Young Talent: Emilie Colin Garros

La designer francese

IDENTIKIT
Nome Emilie Colin Garros
Nazionalità Francese
Titolo di studi Diplomata alla Scuola Esad di Rheims (Francia)
Segni particolari Poetica e dal segno grafico ben delineato. Pur essendo molto giovane (è nata nel 1982) Emilie si muove con grande dimestichezza nel mondo della sperimentazione tecnologia. Nelle sue mani, materiali naturali e puri come il legno, l’acciaio o l’alluminio esplodono le proprie qualità espressive per raccontare progetti rassicuranti e avveniristici al tempo stesso.
Info www.emiliecolingarros.com

La spiccata sensibilità della progettista francese unita alla capacità di intuire le potenzialità espressive di una corretta applicazione della tecnologia danno vita a un paesaggio di oggetti in grado di trasformarsi. Il segno delicato e discreto per un nuovo quotidiano dall’impatto emotivo elegante.

Forme garbate e discrete per questa scelta selezionata di lavori che sembra nascere da un gesto delicato. Istintivo e docile come una carezza. In realtà, pur preservando l’intensità emotiva del segno progettuale, ciò che guida il pensiero della designer è l’idea della trasformazione. Ovvero la curiosità di modificare il dato di realtà per amplificare le potenzialità espressive degli oggetti. Il tavolo in lamiera di acciaio Functional Rhythm, che nel 2010 ha vinto il concorso Project Assistance Grant promosso dal Via (Valorisation de l’Innovation dans l’Ameublement, l’istituto francese per il design), usa, per esempio, la tecnologia del taglio a laser per disegnare una fitta tessitura di pieni e di vuoti e creare un inedito effetto tridimensionale. Ruota attorno allo stesso tema l’appendiabiti Wep, realizzato nel 2010 per la mostra alla Biennale di Saint-Etienne 15 designers 15 artisans 1 graphiste 1 critique 1 off della quale Emilie è stata curatrice. Più soft, ma sempre elegante, il concept della lampada Flip e della griglia Ariane che esprimono una ricerca di tipo grafico. Entrambi gli oggetti sono presenze libere e nomadi che si muovono da uno spazio all’altro per dare forma a un nuovo linguaggio espressivo.


di Paola Carimati / 13 Maggio 2011

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Modernismo e utopia on the beach

Viaggio a Fire Island, la terra promessa degli anni '70

Itinerari

[Architettura]

Come cambierà la Tour Montparnasse

Il progetto di ristrutturazione della Tour Montparnasse? Naturalmente green.

progetti

[Architettura]

Sostenibilità newyorkese

Nasce su Roosevelt Island il nuovo centro Bloomberg progettato da Morphosis

uffici di design

[Architettura]

Zaha Hadid segreta

A Praga i 50 progetti mai visti di un genio creativo

Zaha Hadid

[Architettura]

The Deuce, Time Square 1980

30 anni e una rivoluzione nel cuore della Grande Mela

progetti

[Architettura]

Casa Emercency a Milano

Una vecchia scuola abbandonata rinasce nel progetto di TAMassociati

edifici pubblici

[Architettura]

Al Louvre Abu Dhabi 7850 stelle

Il museo disegnato da Jean Nouvel apre negli Emirati

Musei

[Architettura]

Lost Utopias, la fiaba di Expo

Quel che rimane delle World's Fair raccontato per immagini

libri di design

[Architettura]

La Biennale di Chicago

CAB 2017: L'architettura ha bisogno di guardare ancora al passato?

eventi

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web