ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Young Talent: Mark Braun

Il designer berlinese

IDENTIKIT
Nome Mark Braun
Nazionalità Tedesca
Titolo di studi Dopo un apprendistato in carpenteria, si laurea in Scienze Applicate all’Università di Potsdam
Segni particolari Ama i materiali naturali come il legno e la ceramica, che forgia manualmente nel rispetto della tradizione Bauhaus. Ma anche di colori primari come il rosso e il ciano. Predilige le forme pure e geometriche, quasi archetipiche, che fa migrare da un contesto e da una funzione all’altra. Esemplificativo lo studio condotto sulla porcellana, che trasforma un bicchiere della collezione Join in paralume.
Info www.markbraun.org

Il linguaggio del progettista tedesco, che affonda le radici nella scuola del Bauhaus, nasce dall’uso di materiali naturali unito a una nuova interpretazione della lavorazione manuale. Il racconto di un modo di fare già ben delineato, fatto di forme geometriche pure, colori primari e rigore funzionale.

Di Mark Braun il talent scout Serge Bensimon ama la concretezza e quella capacità tutta razionale di rendere poetica l’esasperata purezza delle forme. E non è un caso che sia stato tra i protagonisti della mostra Natural Indigo, curata da Osko+Deichmann, e ospitata a gennaio 2011 dalla sua galleria di Parigi. Poco più che trentenne, il designer vive e lavora a Berlino dove nel 2006 apre il suo studio. Il suo curriculum è ricco di esperienze didattiche, tra le quali incuriosisce l’anacronistico apprendistato come carpentiere. I suoi progetti sono espressione di una naturale predisposizione alla manualità, che gli consente di forgiare la materia con duttilità, nel rispetto della tradizione Bauhaus. Il suo linguaggio ruota attorno ai valori del progetto, come il rigore funzionale, ben espresso nella serie di sgabelli/tavolini in legno curvato Ton, dove un semplice foro facilita la presa e trasforma un oggetto da statico a dinamico. Ma anche la sperimentazione su materiali naturali come la ceramica - vedi la collezione di porcellane Join per Asa Selection - e sulle tecnologie di stampaggio che con Lift, la collezione di complementi, declina un paesaggio di forme solo apparentemente componibili.


di Paola Carimati / 12 Maggio 2011

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Lo zen e l'arte del giardino

Il Japanese Garden di Portland è il tempio della pace

green design

[Architettura]

New memorial per Libeskind

Una stella di David contro le forme "razionali" dello sterminio

Architettura contemporanea

[Architettura]

L'osservatorio da abitare

Un nuovo concept a Roccascalegna, perla medievale in Abruzzo

progetti

[Architettura]

Ritorno al futuro a Dubai

Itinerario alla scoperta di una città che ha già un piede nel futuro

itinerari

[Architettura]

Un Museo della Romanità in Francia?

A Nîmes il progetto di de Portzamparc, tra storia e modernità

Musei

[Architettura]

Berlino città verticale?

Upper West Tower, cronache dalla Berlino dei grattacieli

costume

[Architettura]

Cosa vedere a Perugia

Viaggio tre le architetture contemporanee della città umbra

itinerari

[Architettura]

Mostri all'italiana

Le architetture abbandonate fotografate da Amélie Labourdette

costume

[Architettura]

Scuole di terra

L’architettura d'emergenza pensata da EAHR per i campi profughi

Architettura contemporanea

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web