ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

All’AIA di New York in mostra l'architettura più innovativa del Cile

Nella Grande Mela una mostra celebra i progetti eccellenti dell’architettura cilena, da strutture temporanee, a uffici e social housing

All'AIA New York Center for Architecture la mostra “Extra-ordinary: New practices in Chilean Architecture” (fino il 3 settembre), curata da Jeannette Plaut e Marcelo Sarovic, racconta l'architettura del Cile.

Nel segno dell’eccellenza, tra tradizione e innovazione, si celebrano i progetti realizzati nel corso degli ultimi cinque anni legati da obiettivi comuni: educazione, social housing, riedificazione urbana.

Realizzati tra la città e la campagna cilena i progetti spaziano da strutture temporanee, a uffici e social housing, nel tentativo di costruire spazi abitativi e lavorativi in una terra che è stata devastata dal terremoto (2010). A partire dallo studio di Alejandro Aravena Elemental (leggi anche → Lo speciale Biennale di Venezia) si riunisce un collettivo di creativi e progettisti che sperimentano soluzioni di impegno sociale all’insegna dell’innovazione, usando materiali nuovi e tools digitali.

La mostra comprende architetture e installazioni d’arte con un focus sui materiali tecnologici, inediti e riciclati, presentando fotografie, renderings, contenuti video e testi esplicativi. Tra i progetti più emblematici “the singular patagonia”, un vecchio impianto industriale trasformato in hotel dall’architetto Pedro Kovacic nel 2011, preservando gli elementi originali in una struttura che oggi è a metà tra spazio industriale e museo.

“Il Cile con il suo territorio paesaggistico è di incredibile ispirazione, è come avere la spina delle Ande sempre visibile”, sostiene Glenn Lowry, il direttore del MOMA che ha presentato la mostra. Il lavoro di Hevia e Urzua è uno degli esemplari creati per Young Architecture Program nel Cile, un tipo di struttura che ti porta a immaginare diversi modi di creare e reinventare l’architettura”.

cfa.aiany.org

SCOPRI ALTRE MOSTRE A NEW YORK:
Richard Serra in mostra alla Gagosian Gallery
La grande bellezza del Cooper Hewitt Design Museum
Una mostra su moda e tecnologia al Metropolitan


di Monica Mascia London / 30 Giugno 2016
tags:

mostre , New York

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

[Architettura]

Cinema del reale

5 documentari per architetti visti a Copenaghen

costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web