ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Alvaro Siza firma il progetto per la Fondazione Nadir Afonso

Due firme dell’architettura portoghese racchiuse tra le mura di un elegante edificio

Alvaro Siza, indiscusso maestro dell’architettura portoghese, ha da poco ultimato il progetto per la Fondazione Nadir Afonso, architetto e artista lusitano che mescolò il progetto architettonico alla pittura surrealista. Nadir Afonso collaborò con Le Corbusier e Oscar Niemeyer; dopo gli anni Sessanta si dedicò, quasi esclusivamente, alla pittura senza dimenticare la delicatezza del segno e l’inventiva della composizione architettonica. Proprio dai dipinti di Afonso nascono le figure dei volumi che compongono la Fondazione progettata da Siza.

Siamo a Chaves, nel Portogallo più settentrionale, meno noto, quasi al confine con la Galizia: la Fondazione Nadir Afonso sorge lungo la riva destra del fiume Tâmega e dal fiume trae la sua ragione planimetrica. L’intero edificio sorge su una grande soletta continua sollevata da terra di tre metri e mezzo, così da salvarsi da eventuali piene del fiume; la struttura poggia su una serie di setti in cemento trasversali al letto del fiume che scandiscono il ritmo delle facciate. Visto dall’alto il progetto ha una forma subito riconoscibile, un insieme di linee spezzate ma del tutto armoniche che convergono a disegnare un oggetto unico quasi fosse una cicatrice estrusa del suolo.

L’edificio è calibrato su elementi aggettanti e rientranti, riempiendo così i prospetti di pieni e vuoti alternati. Il colore bianco del cemento conferisce un tono di sobrietà e distinta eleganza all’intera costruzione che, nonostante uno spessore materico notevole, appare leggera e fluida, una figura che si scopre in progressione seguendo la traccia di una pennellata sulla tela.

L'architetto portoghese traduce nella terza dimensione lo spirito artistico di Nadir Afonso: un unico edificio-arca (c’è sempre qualcosa di ‘sacro’ e ‘puro’ nell’estetica di Siza) contiene gli stili di due grandi figure del panorama culturale portoghese. Il progetto della Fondazione si inserisce in una visione allargata al paesaggio della regione: l’edificio di Siza infatti dialoga con le vicine rovine della Longras mediando una conversazione tra il nuovo e l’antico.

La vegetazione, per lo più alberi da frutto, completa il quadro mediterraneo dell’insieme. Internamente gli ambienti sono disposti longitudinalmente e i percorsi lungo le gallerie che ospitano i disegni e le tele di Afonso ricevono luce dalle finestrature continue aperte sui lati e dai grandi lucernari del soffitto . In facciata ballatoi e terrazze/verande diventano un filtro tra lo spazio esterno e il paesaggio naturale verso il fiume Tâmega. 

SCOPRI ANCHE:
La corona di Youruban
Nuovo volto al Pecci


di Giovanni Carli / 26 Ottobre 2016
tags:

musei , Alvaro Siza

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Filarmonica marina

Tra hub creativo e città d’acqua: così cambia lo skyline di Amburgo

Edifici pubblici

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web