ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Ampliare una casa nel verde della Norvegia

Un progetto green che gioca con i contrasti di architetture e materiali, mantenendo il fascino dell'interior scandinavo

Una famiglia composta da una coppia e due bambini desiderava uno spazio di vita più ampio e funzionale. Nasce da questi presupposti, a fine 2013, il progetto di ampliamento di una villetta unifamiliare degli Anni 50 nel cuore di Trondheim, la più settentrionale delle grandi città norvegesi.
A curare l'intervento è lo studio TYIN Tegnestue Architects, che ha scelto di accostare alla struttura originale un volume in legno di pino dalle forme irregolari. La classica icona della casa è deformata e scavata per sviluppare al massimo la superficie abitabile, riducendo al minimo l'impatto volumetrico sul paesaggio circostante.
Il risultato è un'architettura asimmetrica che si sviluppa su due livelli. All'interno, il nuovo corpo si caratterizza per gli ampi soffitti, i dettagli semplici, la luminosità e il senso di calore ottenuto grazie al compensato di betulla, utilizzato per le pareti, parte dei mobili e le finiture.
Entrando dal giardino, si accede ad un ampio ingresso, affiancato dal bagno e da un locale dedicato ai servizi. Il primo piano, invece, ospita un living aperto e accogliente, illuminato da una sequenza di finestre di diverse dimensioni e forme che mettono in relazione il verde circostante con gli spazi domestici. L'arredo? In stile scandinavo con oggetti e mobili del brand norvegese Berge Interior.
La sala, diventata punto centrale dell'abitazione, è sormontata da un soppalco in betulla e vetro, dedicato ai giochi dei piccoli di casa e rivestito in morbida moquette grigia. Molti gli arredi polifunzionali: dal mobile contenitore che diventa seduta, alla scala che serve anche come punto panoramico.
"Volevamo creare un senso di contrasto immediatamente riconoscibile tra i due stili architettonici", raccontano i progettisti, "aggiungendo un senso di leggerezza e humour a tutto il progetto".


di Marzia Nicolini / 10 Giugno 2014

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Filarmonica marina

Tra hub creativo e città d’acqua: così cambia lo skyline di Amburgo

Edifici pubblici

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web