ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Apple Park a Cupertino, apre il Visitor Center. Ecco le prime foto

La struttura trasparente sormontata da un “cappello” fluttuante è opera di Foster + Partners

1859_FP633948
Nigel Young / Foster + Partners

Un grande “cappello” che sembra fluttuare su una struttura di vetro trasparente accoglie i visitatori nella nuova sede dell’Apple a Cupertino in California

Cupertino nella Silicon Valley è ormai da tempo sinonimo di tecnologia ed è qui che Apple ha aperto qualche giorno fa il nuovo Visitor Center progettato dallo studio londinese Foster + Partners.

Il Centro Visitatori dell’Apple Park è stato creato proprio per portare l’esperienza del parco tecnologico più vicino al largo pubblico. Pensato come un gateway speciale per l’Apple Park, l’edificio i cui costi sono stati stimati attorno ai 109 milioni di dollari, è adiacente al campus principale ed è stato dotato di una terrazza sul tetto con vista panoramica sugli altri edifici e sulla vallata. Progettato in collaborazione con Foster + Partners e interamente alimentato da energia rinnovabile, l’Apple Park sostituisce oltre 464.000 m2 di asfalto e cemento con terreni erbosi e oltre 9.000 piante autoctone, resistenti al clima secco della contea, e ospita appunto il Visitor Center collocato all’interno di un uliveto.

LEGGI ANCHE → Nasce il tempio del lavoro secondo Steve Jobs

Grazie alla struttura trasparente che lo sorregge il tetto, un “cappello” di fibra di carbonio, sembra fluttuare nell’aria. Grazie a un impianto fotovoltaico da 17 megawatt, il nuovo campus vanta una delle più grandi installazioni di pannelli solari al mondo, che regola la ventilazione naturale e il riscaldamento per nove mesi all’anno. Dal tetto del centro partono delle sottili tettoie di fibra di carbonio che creano una piacevole ombra sulla terrazza esterna. Steve Jobs contattò Norman Foster la prima volta nel 2009 e l’architetto ricorda che il co-fondatore di Apple voleva una struttura che sembrasse una conseguenza naturale del paesaggio esistente, con ampio uso del vetro che potesse legare interni ed esterni delle varie sezioni, arrivando addirittura a stabilire, nella dettagliata lista delle sue richieste, che la porta del ristorante nel campus dovesse aprirsi completamente in soli 12 secondi.

Un’altra idea cara a Jobs è stata quella di concepire il complesso come “un centro di innovazione per generazioni future e che gli spazi di lavoro e i parchi fossero progettati per offrire non solo ispirazione al team di lavoro ma apportare anche benefici all’ambiente’’. La struttura nel suo complesso non è ancora completata ma molti dei 12.000 impiegati di Apple lavorano già qui e del famoso Ring Building il centro visitatori mantiene la stessa palette di materiali e la meticolosa cura dei dettagli in un setting di grande rilassatezza. Infatti più di un elemento dell’edificio principale è stato replicato nel Visitor Center come ad esempio il design delle scale, il rivestimento di quarzo e il controsoffitto del bar prodotto con lo stesso marmo del ristorante principale.

Nel centro visitatori sarà in vendita anche il merchandise Apple, disegnato esclusivamente per questo shop.

www.fosterandpartners.com

www.apple.com/retail/appleparkvisitorcenter

LEGGI ANCHE:
Apple Park, tutto quello che devi sapere


di Paola Testoni / 22 Novembre 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Alba albanese

Tutti i motivi per cominciare a programmare le vacanze in Albania

Travel

[Architettura]

Il sacro geometrico di Siza

L'architetto portoghese firma la chiesa di Saint Jacques de la Lande a Rennes

edifici pubblici

[Architettura]

The World is back

L'ultima follia di Dubai riemerge dalle acque con un progetto di rilancio

Progetti

[Architettura]

Cani e gentrification

Cosa ci insegnano i cani di NYC, indicatori di una città che cambia

Costume

[Architettura]

Comfort zone

Aeroporti d'autore: a Oslo il primo terminal per farti star bene

edifici pubblici

[Architettura]

Il grattacielo 4.0

Carlo Ratti e BIG insieme per un grande progetto green a Singapore

progetti

[Architettura]

I giardini degli altri

Giardini giapponesi in giro per il mondo

Travel

[Architettura]

Amore e design

San Valentino nelle cinque capitali romantiche d’Europa

Travel

[Architettura]

9 viaggi per il 2018

Mete sconosciute da scoprire e visitare nel nuovo anno

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali