ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Un'architettura moderna a Pechino racchiusa in un guscio di brise-soleil in legno

La French International School of Beijing è stata progettata da Jacques Ferrier per esaltare l'inconfondibile gusto francese in ogni sua forma

Un’architettura moderna racchiusa in un guscio di brise-soleil è certamente quanto di più lontano possa esserci dall’immaginario comune di una Pechino fumosa e congestionata. Stiamo parlando della French International School of Beijing progettata da Jacques Ferrier Architecture. Il sito, un tempo coltivato a frutteti, mantiene il ricordo della sua storia e il nuovo progetto favorisce un sviluppo orizzontale alla ridondante crescita verticale della città asiatica.

L’edificio, che sfrutta una considerevole densità perimetrale, costruisce una continuità con il contesto, caratterizzato da altri edifici scolastici internazionali, residenze e aree verdi, definendo un serie di percorsi e collegamenti con gli assi stradali. La scuola accoglie i differenti gradi di formazione, dalla scuola primaria al liceo, suddividendo gli ingressi e i flussi degli studenti: tale soluzione consente un’ordinata distribuzione degli spazi, ciascuno dei quali risponde a specifiche esigenze misurate sull’età e sulle attività degli studenti.

Lo spazio interno è trattato con semplicità e arricchito da colori saturi e soluzioni infografiche che alternano caratteri latini e ideogrammi cinesi. Il piano terreno, quasi interamente dotato di portici e quindi reso permeabile, ospita gli ambienti comuni che si aprono tutti verso le ampie corti interne in cui sono collocati i volumi autonomi della mensa e della gym hall. Gli esterni si vestono di un originale ornamento (non è un caso che si tratti proprio di una scuola francese! Lo stile rimane sempre una materia di vita da coltivare fin dalla tenera età…): la fascia superiore dei volumi è rivestita di un reticolo di spessi assi di legno a sezione rettangolare che sembrano quasi fluttuare, disegnando una geometria aerea sobria ed elegantissima.

La trama del graticcio diventa una seconda pelle di brise-soleil in legno che avvolge la struttura interna in cemento e vetro, costituendosi come un guscio protettivo eco-chic. La scelta di questo sistema di schermatura richiama le costruzioni in legno della tradizione cinese, espressa anche nel disegno degli spazi aperti che alternano corti e pergolati, aggiornate ad un design contemporaneo di gusto occidentale. I pavilions della mensa e della palestra si differenziano per un rivestimento in lastre di metallo lucidato. 

La French International School of Beijing è un'architettura contemporanea che raccoglie in un unico gesto compositivo cultura europea e anima asiatica, svelando una città sempre più cosmopolita e aperta al cambiamento.

www.jacques-ferrier.com

 LEGGI ANCHE → Brise-soleil celano una Tea House dall'atmosfera Zen a Pechino


di Giovanni Carli / 24 Novembre 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

In punta di penna

Milano raccontata dai grandi autori italiani

Travel

[Architettura]

Vienna effetto Wow

A caccia di arte, architettura e design nei posti più cool della capitale Austriaca

Itinerari

[Architettura]

Una mela al giorno...

A Cupertino Apple apre il Visitor Center progettato da Norman Foster

edifici pubblici

[Architettura]

Nuovo grattacielo a Milano

Lo skyline della città cambia ancora con Gioia 22, pronto tra 3 anni

progetti

[Architettura]

Il volto urbano nella storia

La mostra di Carlos Garaicoa alla Fondazione Merz di Torino

mostre

[Architettura]

L'architettura della giustizia

Il tribunale di Parigi firmato Piano è aperto e trasparente, come la legge

edifici pubblici

[Architettura]

Il salotto di Hong Kong

Quelle nuove terrazze sul porto di Hong Kong...

Travel

[Architettura]

La tundra in un parco

La Russia si mette a nuovo in attesa dei Mondiali 2018

Travel

[Architettura]

Un hotel da veri bohémien

L'Hotel Pilar in Leopold de Waelplaats ad Anversa

Hotel

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web