ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

L'architettura organica del Norwegian Mountaineering Center

Lo studio RRA disegna un prisma contemporaneo per gli amanti dell’alpinismo nella cittadina di Åndalsnes

Un'interpretazione contemporanea dell'architettura organica di Alvar Aalto e Sverre Fehn in un contesto naturale tipicamente nordico, sospeso tra le gelide acque del Mare del Nord e le grigie montagne innevate, dove hanno dimora gli dèi figli di Odino: è il nuovo progetto di Reiulf Ramstad Arkitekter (RRA): il Norwegian Mountaineering Center è un’architettura che si fa metafora ancestrale della natura e della montagna, subito riconoscibile per il suo profilo spezzato e slanciato.
L’edificio si inserisce nel tessuto urbano della quieta cittadina di Åndalsnes, capolinea delle linea ferroviaria panoramica della Raumabanen, ridefinendone lo skyline e ponendosi come landmark sul territorio circostante. Lo studio RRA, già noto per il pluripremiato e pluripubblicato progetto del Trollstigen Visitor Centre, svolge la sua attività nelle terre scandinave ispirandosi alle lezione di maestri quali Alvar Aalto e Sverre Fehn reinterpretandone quella stessa filosofia di architettura organica europea declinata alle esigenze e agli usi del contemporaneo.
La forza del Norwegian Mountaineering Center risiede nella sua figura: un incastro di due prismi irregolari; l’uno ne è il basamento allungato che risolve il rapporto con l’attacco al suolo, l’altro invece si innalza verso il cielo, scolpito come una torre inclinata, oggetto unico nel contesto urbano all’intorno. Nella dichiarazione della sua forma ne si deduce la funzione: il corpo basso accoglie un centro visitatori fornendo informazioni e descrizioni del paesaggio montano norvegese, la torre è attrezzata come una parete verticale per gli appassionati di rock climbing.
L’architettura è monolitica, replica della struttura cristallina dei minerali, rivestita all’esterno con una pelle ad effetto optical dai toni opachi del beige, del grigio e del bianco, priva di aperture se non su un solo fronte. All’interno troviamo un ambiente dalla tipica atmosfera nordica in cui la preferenza per lo spazio vuoto riduce al minimo le componenti d’arredo e i percorsi corrono liberi da un ambiente all’altro. Legno, cemento, griglie metalliche e feltro sono i materiali degli interni mentre triangoli d’azzurro ghiaccio, blu e bianco disegnano la texture della parete del climbing.

Il progetto del Norwegian Mountaineering Center coniuga cultura e sport, alpinismo e design nordico proponendosi come nuovo polo catalizzatore non solo per il turismo ma anche per gli abitanti della regione.

www.reiulframstadarchitects.com

SCOPRI ANCHE:
Una montagna di vetro ad Anversa


di Giovanni Carli / 28 Settembre 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Filarmonica marina

Tra hub creativo e città d’acqua: così cambia lo skyline di Amburgo

Edifici pubblici

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web