ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

A Pechino c'è un boutique hotel da cui non vorrete mai uscire. Ecco perché

Camera grandi, che si possono usare anche come uffici, mostre ed eventi: il nuovo hotel che anima la vita culturale cinese

boutique-hotel-pechino-chao-hotel
He Shu

La hall del CHAO Hotel in Salitun accoglie gli ospiti in uno ampio spazio post-industriale, caratterizzato da una scala aperta che si adatta a diversi usi, da sala espositiva ad auditorium ed eventi

Lo Chao Hotel rappresenta un nuova generazione di boutique hotel di lusso ed è pensato come un comodo nido dove fermarsi nel vivace quartiere di Sanlitun, cuore pulsante di Pechino. Grazie ai suoi ampi spazi polivalenti e un fitto calendario di mostre, eventi e workshop, questo innovativo albergo si propone come un attivo punto di riferimento nella vita culturale, creativa ed artistica della capitale cinese.

Tutte le foto: He Shu

Lo Chao Hotel nasce dalla riqualificazione di una vecchia struttura alberghiera. Il progetto, sviluppato da un team di progettisti cinesi e internazionali, tra cui i tedeschi di GMP Architects per l’architettura e GD-Lighting Design studio illuminotecnico di Hong Kong, è già diventato un punto di riferimento.

Gli spazi comuni di questo innovativo hotel di lusso sono caratterizzati da ambienti open space in stile post-industriale, in cui si mescolano materiali grezzi come il cemento con raffinati elementi tecnologici, come nella Glasshouse, un’ampia sala polivalente con modernissimo soffitto a volta rivestito di sottili brise soleil.

Le diverse aree ristorante e lounge bar che si trovano nel resort di Pechino si differenziano uno dall’altro per i colori e i materiali usati. I mobili su misura che caratterizzano le diverse zone sono tutti prodotti artigianalmente con materiali naturali e sostenibili, come il legno di noce massello e la pelle, reperiti responsabilmente. Questo dà agli ambienti una sensazione calda ed accogliente, con una estrema cura nei dettagli.

Le camere sono più ampie rispetto ai normali standard e sono progettate come dei mini appartamenti. Ogni stanza è dotata di un tavolo bar attrezzato e di un'area relax vicino alle finestre a tutta altezza, dalle quale si gode una splendida vista panoramica sullo Stadio dei Lavoratori, uno dei principali monumenti comunisti della capitale. Se necessario le camere possono essere usate come ufficio temporaneo, anche organizzare piccole riunioni private.

 

www.ilovechao.com

www.gd-lightingdesign.com

www.gmp-architekten.com

SCOPRI ANCHE:
Resort di design sul lago in Cina
La casa che diventa hotel in Cina
Mini appartamenti Feng Shui
Un resort di lusso in un villaggio di pescatori
→ Hotel Le Meridien a Zhengzhou by Neri&Hu


di Eugenia Murialdo / 4 Maggio 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Le location del potere

Le ambientazioni del film di Sorrentino, tra cinema e realtà

Costume

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web