ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Ti sei mai fermato a guardare davvero una pista da bowling?

Lo ha fatto Robert Götzfried, il fotografo tedesco dallo sguardo seriale che con Bowling Alleys ci porta alla scoperta di un sport culto

Il fotografo tedesco Robert Götzfried dà nuova luce al bowling, uno sport che è ormai un classico degli hobby indoor di mezzo mondo. Partito dal Nord America a fine ‘800, è diventato uno sport ma anche un luogo di culto per molti appassionati. A contribuire alla sua fama i numerosi cameo al cinema (basti pensare al Grande Leboswki) e in tv (per esempio nei Simpsons). Merito anche a quella patina vagamente feticista che porta con sé: il parquet da non calpestare, le scarpe portafortuna, la palla magica nonché il grido “Strike”.

Götzfried ha deciso di immortalare alcune della piste più belle della Germania: nasce così il progetto Bowling Alleys. Per Robert è stato un tuffo nel passato della sua infanzia. Negli anni 80 infatti vi erano numerose piste da kegeln (variante del bowling a nove birilli e palla più piccola) in Germania. Ad affascinarlo era il contrasto tra la pulizia e il rigore della pista e il fumo, le battutacce, le birre che scaldavano il bordo pista.

Prospettiva centrale, per il punto di vista del giocatore, a ridosso del parquet o della zona riposo, campo lungo e colori netti. Assi dall’aspetto logorato dall’utilizzo o viceversa pulitissime al limite del maniacale. Sono tante le anime di questo sport che Götzfried ha saputo cogliere e rappresentare.

Bowling Alleys è un progetto che fa il pari a quello del 2011 Pools, dedicato appunto alle piscine più  belle la mattina presto, quando gli strepiti sportivi non increspano la superficie. Uno sguardo seriale che coglie nelle differenze di uno stesso soggetto ripetuto l’essenza dello sport e le sue possibili declinazioni.

www.robert-goetzfried.com

www.facebook.com/RobertGoetzfriedFotografie


di Stefano Annovazzi Lodi / 31 Maggio 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Le location del potere

Le ambientazioni del film di Sorrentino, tra cinema e realtà

Costume

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web