ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

A Bruxelles, Le Toison d’Or di UNStudio

Telai curvi creano movimento e profondità nel nuovo edificio ecosostenibile nel cuore di Bruxelles. Sembra quasi fluttuare

Le Toison d'Or, edificio progettato dall’olandese Ben van Berkel di UNStudio in collaborazione con gli architetti belgi Jaspers-Eyers, si presenta come un ibrido tra la tradizionale tipologia edilizia di un isolato e un uso misto del fabbricato, dove convivono abitazioni private e spazi destinato alla vendita al dettaglio.

Situato a Bruxelles sulla Avenue de la Toison d'Or, tra Porte Louise e Porte de Namur, il complesso è il primo completato in Belgio da parte di UNStudio e si integra perfettamente nel tessuto urbano e, più nello specifico, in un quartiere storico, tra due delle porte più antiche della capitale.

Le Toison d'Or, con oltre a 72 appartamenti, 13.000 m2 di spazio commerciale, un asilo nido di 1.040 m2 e un parcheggio sotterraneo con 330 posti auto, porta nel centro storico anche un giardino pensile di quasi 3.000 m2 di superficie.

Per evitare caratteristiche monolitiche, UNStudio ha inserito nella facciata del complesso una struttura ininterrotta di telai curvi che, grazie a un ritmo ripetitivo, creano movimento e profondità.

Ben van Berkel: «Era importante che le unità di vendita al dettaglio avessero una struttura il più possibile aperta e leggera. Questo movimento trasforma le strutture in palloncini verticali che sembrano sorreggere tutto l’edificio, come se l'intero blocco quasi fluttuasse sopra il viale».

In contrasto con l'articolazione verticale della facciata sulla strada, quelle che circondano il cortile interno sopraelevato seguono una disposizione orizzontale. Qui i balconi di dimensioni generose forniscono una più tranquilla esperienza della vita cittadina.

Sul lato dell'edificio affacciato sulla strada, una grande scala scultorea conduce visitatori e residenti alla hall principale, posta nella parte posteriore della struttura, a un livello superiore rispetto ai negozi sulla strada. Qui, in un'area arredata in maniera informale, gli ascensori che portano agli appartamenti.

Le unità abitative sono di dimensioni variabili (da 50 a 750 m2). Per garantire una generosa illuminazione naturale, l’altezza dei soffitti nella zona giorno raggiunge i 2,7 metri e addirittura i 3 metri negli appartamenti situati lungo la Avenue de la Toison d'Or. Le cucine aperte, concepite come larghi elementi di arredo, creano uno spazio di intrattenimento informale e creano movimento attraverso gli spazi abitativi.

Le Toison d'Or si distingue per gli elevati standard di sostenibilità. Tra le caratteristiche di maggior rilevanza: l'ottimo isolamento termico della facciata, l'elevato isolamento acustico, un sistema di cogenerazione sia per le unità abitative sia per quelle commerciali e l'uso della fibra di vetro nel cemento armato.

www.unstudio.com
www.jaspers-eyers.be

SCOPRI ALTRO NELLA SEZIONE ARCHITETTURA:

OMA inaugura a Rotterdam Timmerhuis, imponente edificio modulare a pixel
A Napoli l'Ospedale del Mare firmato IaN+


di Paola Testoni / 8 Febbraio 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

[Architettura]

Il ponte infinito

A Changsha un’infrastruttura oltre i confini dell’immaginazione

Architettura contemporanea

[Architettura]

Casa sulla cascata

Una grande villa in legno e granito ispirata alla casa di Wright

architettura contemporanea

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web