ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Silicon Valley alla cinese: ecco com'è fatto il nuovo campus di Huawei

Il terzo centro di ricerca e sviluppo del colosso della telefonia, sobrio e composto, è molto lontano da quelli a cui ci hanno abituato Google e Apple

Mentre a Cupertino si sta realizzando il sogno di Steve Jobs dell'Apple park (leggi anche → Apple Park, tutto quello che non puoi non sapere) e Google presenta in anteprima il suo nuovo headquarter di Londra (leggi anche → Chi c’è dietro il progetto del nuovo quartier generale di Google a Londra?), in Cina il colosso delle telecomunicazioni Huawei completa, dopo Shenzhen e Chengdu, il suo terzo centro di ricerca e sviluppo a Pechino.

©Christian Gahl 

Disegnato, come i precedenti, dallo studio tedesco GMP Architects von Gerkan, Marg and Partners, il Huawei Technological Factory Buildings di Pechino sembra andare in controtendenza. L’immagine di questo campus, dall’aspetto sobrio e composto, si allontana molto dall’affollato e vivace ambiente delle immagini firmate da OMA per il Facebook Village.

©Christian Gahl

Qui non si fanno statement sull’influenza delle tecnologie digitali sul nostro spazio quotidiano, ma si costruisce un ambiente di lavoro a misura d’uomo dove produrre concreta innovazione, fatto di interni confortevoli, di architetture completamente sostenibili e di sconfinati spazi verdi che si perdono nel paesaggio circostante. 

©Christian Gahl

Il campus si trova all’interno del parco di Zhongguancu, famoso quartiere high-tech di Pechino, a nord-ovest della capitale vicino alle Colline Profumate, che fanno da sfondo nel centro di ricerca. Come il più classico dei campus, il nuovo complesso è raggiungibile solo a piedi attraverso un verdeggiante e ordinato parco e si compone di tre grandi edifici gemelli organizzati intorno alla mensa, un edificio ad un piano con monumentali portali di accesso.

©Christian Gahl

Mentre le tre costruzioni gemelle che ospitano gli uffici di ricerca si ergono su un massiccio basamento e hanno una facciata dalle aperture estremamente regolari. La loro particolare planimetria ad otto racchiude al loro interno ampie corti giardino, che si aprono attraverso grandi gate sul parco circostante. Questa continuità tra edifici e parco crea una indissolubile integrazione tra architettura e paesaggio.

©Christian Gahl

Gli algidi e sobri ambienti di lavoro beneficiano di questa stretta relazione con il parco circostante. Gli uffici hanno tutti vista panoramica che da’ allo spazio interno molto respiro e un nuovo comfort.

©Christian Gahl

www.gmp-architekten.com


di Eugenia Murialdo / 17 Luglio 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Classico incontra moderno

Una casa vittoriana con un nuovo piano terra pieno di finestre

restyling

[Architettura]

La casa mediterranea 2.0

Lydia Xynogala disegna una casa sul mare che aggiorna la tradizione

casa vacanze

[Architettura]

Il rifugio si tinge di rosa

Compatta fuori, liquida e fragile dentro, la casa firmata Makhno

casa vacanze

[Architettura]

Una villa mediterranea

Pareti vetrate e terrazze profonde nella nuova casa di Ramón Esteve

casa moderna

[Architettura]

Doppia vita in Messico

Un deposito abbandonato diventa un vivace edificio multifunzionale

restyling

[Architettura]

Scatole cinesi nella foresta

Vetro e legno: così Gui Mattos reinventa la casa nella giungla

ville e casali

[Architettura]

Masseria da sogno

Un restyling in Catalogna sposa antico e moderno

restyling

[Architettura]

Il Cohousing a Milano

Da sogno utopico del nord Europa a effettiva possibilità di abitare

progetti

[Architettura]

Coi monti attorno e.. sul tetto

In India, un rifugio nella natura, dai lucernari che imitano le montagne

casa vacanze

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web