ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Tra le ville degli Hamptons c'è una casa al mare decisamente in controtendenza

In un luogo blasonato pieno di residenze sontuose, Mapos disegna Peconic Bay House, una casa minimal che “sparisce” nella natura

casa-al-mare-stile-minimal-peconic-bay-house
© Michael Moran

Dove sono le case al mare che offrono rifugio ai newyorkesi quando l'asfalto della città si fa rovente e l’afa non dà tregua neppure a Central Park? Negli Hamptons, ovvio! Chissà quante volte avrete visto al cinema o in TV le ville sontuose che affollano questo spicchio di costa: un tripudio di marmi e fregi, imponenza e lusso, il marchio di fabbrica dell'elite di Manhattan. Ma c’è chi all’ostentazione preferisce l’understatement. Come la coppia di imprenditori francesi che ha fatto di questa casa al mare in stile minimal il proprio rifugio estivo, scegliendo l’angolo più selvaggio e meno inflazionato degli Hamptons, Peconic Bay, e chiedendo che fosse la natura a prevalere su tutto il resto.

 

@ Michael Moran

Perché un paesaggio del genere - sabbia candida e foreste rigogliose a neanche due ore dalla Grande Mela - merita di essere protagonista, celebrato e non oscurato dalla mano dell'uomo. È seguendo questo principio che gli architetti di Mapos hanno disegnato Peconic Bay House, una casa sul mare che si mimetizza nella natura e quasi scompare in essa. Situata su un morbido pendio che termina in una spiaggia privata, la casa è un volume minimalista semplice e compatto, posato sull'erba come una scatola di fiammiferi da cui “sbucano” la piscina, l’area barbecue e una rustica dependance.

@ Michael Moran

Di spalle, venendo dalla terraferma, la struttura appare piatta, come se fosse composta da un unico livello, ma se la si guarda dalla baia si può apprezzare l'articolazione dinamica delle altezze, scandita dai gradini, con le camere da letto collocate più in basso rispetto a salotto e zona living. La visuale sugli interni è resa possibile dalla grande vetrata che occupa l'intera facciata, annullando il confine tra dentro e fuori. Il resto dell'edificio è realizzato utilizzando solo materiali grezzi, non trattati, per dare alla casa sulla spiaggia un aspetto autentico e primitivo, lo stesso che caratterizza le opere di Richard Serra e Andy Goldsworthy, due artisti particolarmente amati dai proprietari e presi a modello per la loro impronta minimalista e vicina alla natura.

@ Michael Moran

Il rivestimento esterno in cedro e acciaio Corten assolve dunque a un duplice obiettivo: rendere la casa a prova di uragano e farla invecchiare con stile. Il legno assumerà infatti presto una sfumatura argentea, che sommata all'effetto arrugginito dell'acciaio e all'invadenza della vegetazione, già estesa anche al tetto, fonderà ancora di più la casa con il paesaggio.

@ Michael Moran

Lo stesso approccio minimal si ritrova anche all'interno, dove lo spazio arioso e inondato di luce si tiene alla larga da inutili orpelli, prediligendo arredi minimal, materiali naturali, sfumature tenui quasi prosciugate di ogni colore. L’elemento più enfatico è senza dubbio la grande libreria che si dispiega per tutta la lunghezza di salotto e zona living, congiungendo idealmente i due ambienti. I libri, non relegati da qualche parte, ma messi in evidenza a scandire lo spazio, danno alla casa un carattere distintivo. Lo stesso fanno le bottiglie di vino che invece di nascondersi in cantina finiscono in bella vista sulla parete del salotto. Facile immaginare che chi abita qui ami starsene seduto a guardare il mare con un libro sulle ginocchia e un calice in mano, in perfetto stile francese, avvolto dall'atmosfera calda e rilassata della casa al mare, accentuata dalla massiccia presenza del legno (quercia e cedro) anche in pavimenti e soffitti.

@ Michael Moran

Ma in un luogo in cui il primato spetta alla natura, non si può resistere al richiamo del mare: qui le onde sono alte, perfette per gli amanti del windsurf, e la brezza che spira dall’oceano rende dolci anche le giornate più torride. Da concludersi rigorosamente con una grigliata a bordo piscina quando viene sera. Siamo pur sempre negli Hamptons, dopo tutto.

@ Michael Moran

studiomapos.com

SCOPRI ANCHE:
Una villa sulla spiaggia in Nuova Zelanda
La casa di Malibu di Mike D dei Beastie Boys


di Elisa Zagaria / 15 Luglio 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Il nuovo salotto di Hong Kong

Quelle nuove terrazze sul porto di Hong Kong...

Travel

[Architettura]

La tundra in un parco

La Russia si mette a nuovo in attesa dei Mondiali 2018

Travel

[Architettura]

Un hotel da veri bohémien

L'Hotel Pilar in Leopold de Waelplaats ad Anversa

Hotel

[Architettura]

Design e nobiltà

Locanda La Raia: la ricostruzione di un luogo tra Gavi e Novi Ligure

restyling

[Architettura]

Into the wild

Il rifugio mobile per avventurieri testato nella natura islandese

progetti

[Architettura]

La foresta sotto vetro

In Oman nasce il giardino botanico del futuro firmato Arup

progetti

[Architettura]

La nuova sede Nike a New York

A New York batte un cuore Nike al 55 di Avenue of the Americas

Uffici di design

[Architettura]

Arte antica, nuovo museo

In Cina un nuovo museo dedicato alla porcellana come storia d'amore

Travel

[Architettura]

Social housing in classe A+

Cascina merlata, il nuovo smart district milanese è green e all'avanguardia

Architettura contemporanea

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web