ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Ampliare casa a Melbourne

Da casa d'epoca a casa dei sogni. Ispirata a Mies van der Rohe

Come ampliare una casa e renderla più moderna? A Melbourne, in un quartiere residenziale, lo studio Eat Architects si è ispirato alla Farnsworth House di Mies Van der Rohe (1951) per ingrandire e ristrutturare una villetta di epoca edoardiana nota come Elm&Willow House.

Filo rosso che lega i due progetti è la compenetrazione tra dentro e fuori ottenuta attraverso la trasparenza. Sì, perchè Mies, più di cinquanta anni prima, aveva progettato la celebre casa americana come una scatola di vetro sollevata dal suolo totalmente aperta verso il paesaggio.

L'espediente sembra lo stesso utilizzato dallo studio Eat Earchitects dopo aver demolito parte della casa originaria e averla sostituita con un nuovo volume vetrato sospeso da terra. Si tratta di un interessante contrasto con l'esistente, testimoniato dalla presenza di due alberi secolari diventati i vincoli naturali dell'ampliamento.

La trasparenza dell'addizione fa volutamente da contrappunto allo stile introverso dell'abitazione edoardiana, caratterizzata da un corridoio centrale poco illuminato. Il risultato è un piano a forma di U che racchiude un cortile interno, orientato a Sud, con due estremità completamente apribili grazie a un sistema di vetrate e schermature.

"Durante la bella stagione l'interno si confonde con il giardino", spiegano i progettisti, memori della lezione di Mies Van der Rohe. Per il resto la casa gode dei vantaggi di un'abitazione contemporanea. A partire dall'anima green che trova la propria epressione nel sistema di ventilazione naturale trasversale, nella scelta di materiali da costruzione atossici, nei doppi vetri isolanti e nella cisterna progettata per raccogliere e riutilizzare l'acqua piovana.

Sito:
www.eatas.com.au


di Marzia Nicolini / 15 Luglio 2014

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Quanto conosci Wright?

Un ritratto fotografico in 532 edifici, molti dei quali dimenticati

Costume

[Architettura]

Pistoia Reloaded

Itinerario alla scoperta del volto contemporaneo della città

itinerari

[Architettura]

Gli occhi delle torri

Le foto di Laurent Kronental scattata dalle Tours Aillaud

costume

[Architettura]

Just do it

Watts Towers: storia di un capolavoro italiano a Los Angeles

Travel

[Architettura]

La nuova vita di Detroit

Tra le strade della ex-Motor City rialzatasi grazie alla creatività

Itinerari

[Architettura]

Lo stadio smontabile

Mondiali Qatar: Fenwick Iribarren realizza uno stadio fatto di container

Architettura contemporanea

[Architettura]

Swing in Verticale

Herzog & de Meuron firma il suo primo grattacielo residenziale a NY

casa moderna

[Architettura]

Arte immersiva

Camminare dentro un quadro? A Parigi si potrà

progetti

[Architettura]

Steven Holl riscopre Scarpa

Grazie all'architetto americano riapre la Fondazione Masieri

progetti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web