ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il cemento architettonico è perfetto se vuoi usare la casa come studio fotografico!

In Costa Rica lo studio MG progetta la casa di un fotografo con spazi ariosi e tante finestre cielo terra

casa-in-cemento-architettonico-costa-rica-studio-mg
Andres Garcia Lachner

Casa Ching, progettata dallo studio MG nella provincia di Cartago, in Costa Rica

È la luce la protagonista di Casa Ching, casa in cemento architettonico progettata dallo studio MG nella provincia di Cartago, in Costa Rica. Il committente infatti era un fotografo che voleva un grande spazio che si potesse usare come abitazione privata e come studio. E desiderava che gli ambienti fossero illuminati il più possibile dalla luce naturale. 

Su un'area a disposizione di 143 metri quadrati, lo studio di architettura, guidato da Arthur Micheron e Leonardo Gonzalez, ha così progettato una casa formata da due ampi volumi in cemento facciavista, separati dal giardino che li circonda, e collegati da un comune accesso principale. Lo spazio è stato studiato in modo da offrire a chi vi abita diversi punti di vista, in un piacevole senso di mutazione costante dei parametri di riferimento. Ad esempio, dalla strada si vede una parte dell'interno della casa in cemento, ma appena entrati nell'unica zona in comune dei due volumi si trova una grande parete rivestita da un doppio strato di vetro. Attraverso questa si può a sua volta scorgere una porzione di giardino, ma in diagonale, senza quindi riuscire a vederlo completamente.

 Tutte le foto: Andres Garcia Lachner

La superficie abitabile è stata divisa in due grandi spazi, costruiti in calcestruzzo. Uno è stato strutturato come un grande openspace, con altezze diverse. Al piano terra si trova una grande cucina, la sala pranzo e il salotto. Salendo una scenografica scala di ferro si raggiunge un soppalco, che ospita lo studio e la camera oscura per sviluppare le fotografie. Nell'altro volume invece si trovano le camere da letto e le stanze di servizio.

Questi due blocchi sono collegati da un lungo corridoio: in parte coperto, per consentire al proprietario di spostarsi da un ambiente all'altro, in parte all'aperto, con travi di metallo a vista al posto del tetto e ampie vetrate che uniscono visibilmente i due volumi.

Due i materiali e due i colori scelti per la costruzione di tutta la casa: cemento a vista e ferro, beige e nero. E tante sono le ampie finestre, che contribuiscono a creare proprio quello che voleva il committente: uno spazio fluido, aperto e pieno di luce.

CASA CHING by MG desgin studio from MG design studio on Vimeo.

 

www.behance.net/mgdesigncree8b

SCOPRI ANCHE:
Un eco resort per lo Yoga in Costa Rica


di Maria Chiara Antonini / 14 Luglio 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Una mela al giorno...

A Cupertino Apple apre il Visitor Center progettato da Norman Foster

edifici pubblici

[Architettura]

Nuovo grattacielo a Milano

Lo skyline della città cambia ancora con Gioia 22, pronto tra 3 anni

progetti

[Architettura]

Il volto urbano nella storia

La mostra di Carlos Garaicoa alla Fondazione Merz di Torino

mostre

[Architettura]

L'architettura della giustizia

Il tribunale di Parigi firmato Piano è aperto e trasparente, come la legge

edifici pubblici

[Architettura]

Il salotto di Hong Kong

Quelle nuove terrazze sul porto di Hong Kong...

Travel

[Architettura]

La tundra in un parco

La Russia si mette a nuovo in attesa dei Mondiali 2018

Travel

[Architettura]

Un hotel da veri bohémien

L'Hotel Pilar in Leopold de Waelplaats ad Anversa

Hotel

[Architettura]

Design e nobiltà

Locanda La Raia: la ricostruzione di un luogo tra Gavi e Novi Ligure

restyling

[Architettura]

Into the wild

Il rifugio mobile per avventurieri testato nella natura islandese

progetti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web