ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Una casa di legno sulla costa cilena a 65 metri sopra il livello del mare

Vivere in un'abitazione minimal immersa nella natura incontaminata con vista sull'oceano

Il progetto di una casa di legno a picco sulla scogliera di Matanzas, in Cile, firmata da Panorama Arquitectos + WMR, è l’esempio di come alcuni edifici, oggi, appartengano ad una scala ibrida, che sta tra l’architettura e il design. È infatti un oggetto scultoreo taglia XL, rivestito con tavole di legno bianco, nel quale, a prima vista, non si riconoscono i classici elementi architettonici. Un parallelepipedo a base quadrata che misura 9 metri per lato, qualcosa di estraneo che sembra sia stato calato, in una notte, su una piana a 65 metri sopra il livello del mare. 

Ma la D House è un edificio abitato, progettato per una coppia e il loro figlio, che dichiara con eleganza e fermezza, grazie anche alla sua diversità, il rapporto forte che vuole instaurare con il contesto. Dall’esterno, il gioco di pieni e vuoti creati dalla sottrazione di volumi regola le possibilità d’uso dello spazio (terrazzo, patio e logge) e di alcuni elementi (porte e finestre). È questo stesso gioco che mette la residenza in costante relazione con il paesaggio, aprendo la visuale a 360° sull’intorno e facendo penetrare la natura nel perimetro domestico, attraverso grandi vetrate e zone aperte. 

Entrando si scopre un ambiente estremamente funzionale. La scelta compositiva è elementare, ma genera uno spazio articolato: il volume esterno, all’altezza del primo piano, è intersecato da un secondo volume, ruotato a 45° rispetto alla base del quadrato. Il risultato sono doppie altezze che aumentano la percezione visiva e regolano la disposizione degli ambienti al piano terra. In tutta la casa si ha una costante visuale, sia in pianta sia in alzato, dello spazio domestico nella sua totalità e della natura (mare, cielo e terra). L’inclinazione dei volumi produce tre orientamenti panoramici che danno sull'isola, la spiaggia e la foresta. 

Il programma funzionale è semplice: al piano inferiore un unico grande spazio living con salotto, sala da pranzo e cucina, sul retro una zona notte, e rivolta verso nord una terrazza, in parte coperta, per poter godere open air del panorama. Infine, nel volume diagonale al secondo piano, la camera da letto e il bagno. 

Gli interni rispecchiano la filosofia progettuale generale. Pavimento, scala, cucina e zona riposo marcano attraverso un unico materiale, il legno bruno, la sottrazione dei volumi operata alla scala dell’oggetto architettonico. 

I complementi di arredo mobili, essenziali nelle forme e per numero, sono presenze delicate che permettono di godere dello spazio nella sua totalità.

www.panoramaarquitectos.comwmrarq.cl

 

SCOPRI ANCHE:

Ville bellissime
Villa nel verde vista mare
Villa nel verde in Costa Azzurra
Villa con vista sull’oceano
Rifugio con vista sull'oceano


di Laura Arrighi / 27 Giugno 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

[Architettura]

Il ponte infinito

A Changsha un’infrastruttura oltre i confini dell’immaginazione

Architettura contemporanea

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web