ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Perchè costruire una casa in montagna tutta nera?

Tomislav Soldo progetta in Croazia un piccolo rifugio che integra natura e abitare contemporaneo

Avreste mai pensato di costruire una casa in montagna tutta nera? L'ha fatto Tomislav Soldo sull’altopiano di Gorski Kotar, remota regione della Croazia che conta solo ventimila abitanti. In cima ad un colle svetta solitario un albero di noce, costruzione naturale simbolo di solidità e resistenza: qui l'architetto ha inizialmente progettato un belvedere sulla valle e solo in seguito una casa nera dal tetto a falda.

Il volume è un’estrusione non programmata nata dall’esigenza di fotografare in un unico scatto il paesaggio dell’altopiano, l’ombreggiatura dell’albero di noce e la possibile presenza di un’architettura contemporanea: semplicemente una casa in collina, La casa in collina come L’ opera al nero. La metafora letteraria tra Pavese e Yourcenar descrive pienamente lo spirito dello chalet di montagna disegnato da Soldo come rifugio segreto per la contemplazione della natura.

Il progetto è misurato su cento metri quadri organizzati in un open space che raccoglie la zona living, la cucina e il blocco dei servizi al piano terreno, mentre il soppalco ospita la zona notte, con affaccio sul soggiorno, illuminata da un bow-window cristallizzato tra le falde della copertura. Lo spazio scorre fluido permettendo una comunicazione diretta tra la cucina outdoor e quella indoor: la terrazza panoramica è la terza stanza en plein air della casa di montagna dove si compie la smaterializzazione della materia e l’architettura diventa il contesto all’intorno.

La casa è realizzata interamente in blocchi forati di cemento, che ne hanno permesso la rapida messa in opera, rivestiti in assi di larice siberiano tinto con due strati di catrame di legno, prodotto naturale della regione che penetra nelle fibre di larice per conferire maggiore protezione e durabilità nel tempo. Il layering della facciata consente una ventilazione naturale dell’intera struttura e non richiede alcun intervento di isolamento termico tra le pareti.

Gli interni bianchi e luminosi sono l’inversione cromatica del nero degli esterni: pochi elementi d’arredo definiscono un ambiente di rigore calvinista segnato dal lungo divano/daybed e dal volume del camino, entrambi realizzati in muratura così da consolidare lo spessore della parete che emerge dalla terra della collina.

Il black cottage, austero e monolitico durante le ore diurne, si trasforma nella notte in una piccola lanterna magica che illumina i silenzi dell’altopiano.

tomislavsoldo.com


di Giovanni Carli / 9 Marzo 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Emozione vs. funzione

La nuova architettura organica di MAD Architects parla cinese

Edifici pubblici

[Architettura]

Grattacielo annunciato

A Toronto iniziata la costruzione del The One di Foster + Partners

progetti

[Architettura]

Milano, 3 eventi imperdibili

Moda, cinema e design il weekend più caldo di ottobre è a Milano

Itinerari

[Architettura]

Da città fantasma a...

Insieme a un nuovo nome, la città si prepara per un nuovo destino

progetti

[Architettura]

Lo zen e l'arte del giardino

Il Japanese Garden di Portland è il tempio della pace

green design

[Architettura]

New memorial per Libeskind

Una stella di David contro le forme "razionali" dello sterminio

Architettura contemporanea

[Architettura]

L'osservatorio da abitare

Un nuovo concept a Roccascalegna, perla medievale in Abruzzo

progetti

[Architettura]

Ritorno al futuro a Dubai

Itinerario alla scoperta di una città che ha già un piede nel futuro

itinerari

[Architettura]

Un Museo della Romanità in Francia?

A Nîmes il progetto di de Portzamparc, tra storia e modernità

Musei

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web