ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Berlino: mini tour di design

Hometta, la casa mobile, continua il suo viaggio nel mondo della creatività

Si dice che ogni volta che incontriamo qualcuno di nuovo, diventiamo noi stessi qualcosa di diverso. Ciò che è certo, è che impariamo. È successo con Stefan Diez a Monaco, e nuovamente durante un pomeriggio assolato berlinese con l’influente presenza del designer Hermann August Weizenegger, Joerg Suermann e Laura Leo, CEO e Senior Project Manager di DMY Berlin, ovvero il circuito internazionale dedicato al design contemporaneo, e la creatività del designer Simon Junge.

Tutte queste persone, divertite da come oggetti e complementi domestici riescano a convivere in uno spazio così ridotto eppure funzionale (in particolare l’avere una doccia vera), si sono sedute intorno al tavolo di Hometta per raccontarmi il design che anima questa città.

Grazie a Hermann, che ha preparato un impeccabile caffè italiano con la moka, ho scoperto le bellissime ceramiche scultoree e l’oggettistica di Stefanie Hering, delicate e preziose. Ulteriore scoperta è stato il Bikini House, un complesso Anni 50 rivisitato in chiave moderna dallo studio belga SAQ che ospita un labirinto di oggetti all’insegna del design nordico, tra cui lo spazio Vitra-Artek.

E ancora: il 25hours Bikini Hotel, progettato dal designer berlinese Werner Aisslinger come una giungla metropolitana e davvero molto suggestivo e i simpatici complementi esposti da Cramer, uno dei negozi storici dedicati all’interior design presenti nel centro di della città.

Infine, tra il vento caldo che entra dalla finestra, il caffè e molte risate, la curiosa scoperta che in questo microcosmo su ruote, dove s’incontrano tra loro culture e idiomi differenti, il design diventi un linguaggio riconosciuto, capace di far condividere opinioni ed emozioni.

Sito:
www.dmy-berlin.com
www.hermannaugustweizenegger.de
www.cimcima.com


di Arianna Malagoli / 25 Luglio 2014

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Alba albanese

Tutti i motivi per cominciare a programmare le vacanze in Albania

Travel

[Architettura]

Il sacro geometrico di Siza

L'architetto firma la chiesa di Saint Jacques de la Lande a Rennes

edifici pubblici

[Architettura]

The World is back

L'ultima follia di Dubai riemerge dalle acque con un progetto di rilancio

Progetti

[Architettura]

Cani e gentrification

Cosa ci insegnano i cani di NYC, indicatori di una città che cambia

Costume

[Architettura]

Comfort zone

Aeroporti d'autore: a Oslo il primo terminal per farti star bene

edifici pubblici

[Architettura]

Il grattacielo 4.0

Carlo Ratti e BIG insieme per un grande progetto green a Singapore

progetti

[Architettura]

I giardini degli altri

Giardini giapponesi in giro per il mondo

Travel

[Architettura]

Amore e design

San Valentino nelle cinque capitali romantiche d’Europa

Travel

[Architettura]

9 viaggi per il 2018

Mete sconosciute da scoprire e visitare nel nuovo anno

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali