ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Fumo di Londra fuori, rosa cipria dentro, la casa moderna su misura per il quartiere

Volumi massicci a incorniciare tre cortili interni, per No. 49, la casa londinese che non ci sta a confondersi con il paesaggio

casa-moderna-no-49-londra
© Anna Stathaki

A Lewisham, Sud di Londra, non è facile distinguersi. Il panorama è un mix eterogeneo di edifici vittoriani, garage, muri, recinzioni e spruzzi di verde qua e là. Un luogo di passaggio, ibrido e in divenire, dove anche le costruzioni sembrano accidentalmente posate sull'asfalto. Tutte tranne una: la casa moderna che Stephen Davies, architetto e cofondatore dello studio 31/44, con sedi a Londra e Amsterdam, si è costruito su misura, imprimendole un'impronta ben precisa, radicata e materica, tutt’altro che transitoria. E in effetti No. 49, questo è il nome della casa, sembra fatta per restare.

© Anna Stathaki

Dall'esterno il suo aspetto massiccio afferma una volontà di appartenenza. L'incastro di volumi cubici che compone l'edificio è un’ode alla solidità oltre che alle linee pure e squadrate. Lo si deduce chiaramente dall’architrave che taglia per 4,5 metri la facciata, separando il primo livello dal secondo, e dalla colonna in muratura sovradimensionata, che quasi ostenta la propria mole robusta. Il rivestimento in mattoni grigi è invece un vezzo londinese, anche se il materiale prescelto arriva dal Belgio.

Leggermente rientrata rispetto alla strada e sollevata per scongiurare il rischio di inondazioni (poco distante scorre un fiume), sotto l'involucro ruvido e austero, la casa moderna costruita da 31/44 rivela un'anima vibrante e ospitale, e una spiccata vocazione per la vita all'aria aperta. Incastonati nel perimetro della struttura ci sono infatti tre cortili interni, che rendono arioso e dinamico lo spazio, rifiutando di porre barriere tra dentro e fuori.

© Anna Stathaki

Il layout dell'edificio è pensato per massimizzarne l'esposizione a sud. Da questa direzione infatti entra la luce, e il profilo rasserenante di un parco limitrofo. Le aree comuni principali sono dunque posizionate dove la vista è migliore e incorniciate da cortili davanti e dietro.

Il terzo cortile delimita la camera degli ospiti, un supplemento di tranquillità e privacy che di certo li farà felici. L'accesso al piano superiore, dove trovano posto altre due camere da letto, è assicurato da una maestosa scala curva in legno, su cui si apre una grande finestra con vista sulla strada.

© Anna Stathaki

L'arredamento della casa moderna vede protagonisti armadi e divisori in betulla, utilizzati per definire gli spazi, oltre che per riporre oggetti e ricordi. I complementi dispongono di fissaggi nascosti, che consentono di creare superfici continue dall’aspetto caldo e tattile.

© Anna Stathaki

L'atmosfera accogliente e rilassata è completata da un arredamento moderno della casa, fatto di mobili essenziali, con accenti urban e vibrazioni pop, come le sfumature rosa e cipria che movimentano un po' la compostezza formale, quasi monocromatica, della casa.

Un tocco di colore può arrivare da un quadro o da un cuscino, meglio ancora se a regalarlo è la natura stessa, come il viola brillante della lavanda che trabocca dalle fioriere poste all'esterno. Perché la casa modernissima sarà pure imponente e massiccia, ma ha un animo gentile.

© Anna Stathaki

www.3144architects.com

SCOPRI ANCHE:
Stile industriale per un open space a Londra
→ Da ex magazzino a loft, un restyling a Londra
→ Una casa a Londra tra sperimentazione, sostenibilità e design
→ Vivere in una casa di 45 mq a Londra


di Elisa Zagaria / 2 Agosto 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Gli occhi delle torri

Les Yeux des Tours, la serie fotografica di Laurent Kronental scattata dalle Tours Aillaud

costume

[Architettura]

Just do it

Watts Towers: storia di un capolavoro italiano a Los Angeles

Travel

[Architettura]

La nuova vita di Detroit

Tra le strade della ex-Motor City rialzatasi grazie alla creatività

Itinerari

[Architettura]

Lo stadio smontabile

Mondiali Qatar: Fenwick Iribarren realizza uno stadio fatto di container

Architettura contemporanea

[Architettura]

Swing in Verticale

Herzog & de Meuron firma il suo primo grattacielo residenziale a NY

casa moderna

[Architettura]

Arte immersiva

Camminare dentro un quadro? A Parigi si potrà

progetti

[Architettura]

Steven Holl riscopre Scarpa

Grazie all'architetto americano riapre la Fondazione Masieri

progetti

[Architettura]

La Beirut segreta

Elegante e resiliente, la capitale del Libano in un tour da intenditori

Itinerari

[Architettura]

Una stanza in mezzo al lago

Una vecchia centrale idroelettrica diventa hotel sull'acqua

hotel di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web