ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Reactor House, una casa rotante e scultura trasparente a NY

L’ultimo progetto degli artisti Alex Schweder e Ward Shelley indaga il rapporto tra individuo e architettura

Reactor House è una casa rotante a 360 gradi che si muove secondo il movimento del vento e degli abitanti che ci vivono sospesa in bilico su una colonna di calce a 4.6m di altezza: l’ultimo progetto degli artisti Alex Schweder e Ward Shelley realizzato per Omi International Arts Center a Ghent (New York).

Reactor House è uno studio sulla relazione complessa e intima tra individuo e spazio architettonico, tappa di un percorso di ricerca che da tempo impiega il duo degli artisti. Progettano una struttura trasparente di forma rettangolare (di 13.4m x 2.4m), il moderno spazio abitativo con interni minimal, equipaggiato di cucina e sistema idraulico. Una performance in cui gli artisti diventano gli abitanti di una casa in cui ogni movimento deve essere ponderato con precisione, in perfetto coordinamento e equilibrio.

Per evitare il tentennare della struttura bisogna infatti orchestrare ogni movimento all’interno del rettangolo di vetro sospeso in mezzo alla natura. Un’intima e coreografica convivenza tra una coppia di individui in relazione con l’architettura e l’ambiente circostante.

“Basta una brezza leggera per dare movimento alla struttura”, sostiene l’artista Shelley raccontando l’esperienza vissuta durante una performance iniziata lo scorso luglio. “È una sensazione di grandezza, un processo indefinibile perché c'è sempre un aggiustamento da fare per mantenere l’equilibrio”.

La scultura sperimentale sarà aperta ai visitatori nei prossimi due anni con due live performance eseguite dagli artisti il prossimo autunno (24-25 settembre e 6-10 ottobre) per contemplare sempre più a fondo la vita domestica al ritmo del vento e dei movimenti individuali in un gioco intricato di assonanze e dissonanze tra l’interno e l’esterno della struttura.

Nelle situazioni di emergenza gli artisti possono ritirarsi ognuno nel proprio balcone, situato all’estremità opposta del volume, e ricreare in questo modo un nuovo ordine, un nuovo equilibrio. 

artomi.org

SCOPRI ANCHE:
Da fienile a studio d'arte
La casa atelier di Regine Schumann
Progettare un palazzo del '700


di Monica Mascia London / 14 Settembre 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Filarmonica marina

Tra hub creativo e città d’acqua: così cambia lo skyline di Amburgo

Edifici pubblici

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web