ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Questa casa ha 11 finestre per un motivo molto preciso, che ha a che fare con la pittura fiamminga

Gusto industrial e pittura fiamminga del 600 si incontrano, in una casa olandese firmata Marc Koehler Architects

casa-stile-industriale-11-finestre
© Filip Dujardin

Che cos'hanno in comune lo stile industriale e la pittura fiamminga del 600? Molto più di quanto sembri, a giudicare da questa casa moderna posata sull’acqua come una scatola di metallo, che da equilibri audaci e inconsueti trae la propria unicità. Progettata dallo studio olandese Marc Koehler Architects, la casa sorge su un'isola artificiale, in un sobborgo olandese, e reagisce a questo habitat peculiare esibendo un carattere astratto e concettuale: innovazione è la parola chiave, per un approccio architettonico che mette da parte incongrui tentativi di storicizzazione, preferendo sperimentare con materiali e tecniche costruttive.

@ Filip Dujardin

Come il paesaggio lagunare che la attornia, anche la casa è un artefatto, un oggetto, e allora tanto vale enfatizzare questo aspetto nel modo più creativo possibile. Perché limitarsi a guardare il mondo da un’unica prospettiva, quando se ne possono avere… 11? Proprio così: gli architetti olandesi hanno scelto di giocare col paesaggio, inquadrandolo in 11 modi diversi, attraverso le finestre che adornano la facciata, come un pattern futurista dalle geometrie asimmetriche e squadrate.

@ Filip Dujardin

Queste 11 aperture sono ritagliate in un telaio d'acciaio e poliuretano che ricorda le costruzioni industriali e conferisce alla casa un aspetto grezzo e incisivo. Lo stesso che si ritrova anche all'interno, concepito come un loft con arredamento industriale ma su tre livelli. Al pianterreno la sensazione è di essere su una casa galleggiante: qui una passerella di legno porta direttamente all'acqua, rendendo labile e fluido il confine tra dentro e fuori. Il primo piano ospita cucina e zona living, il secondo è riservato alle camere da letto, e per finire c'è l’attico multifunzionale, da cui si gode una vista mozzafiato.

@ Filip Dujardin

Ma le finestre fanno molto di più che incorniciare il panorama. Per disegnarle e posizionarle, gli architetti si sono ispirati a 11 dipinti di paesaggisti olandesi del VII secolo, l’età d'oro dell'arte fiamminga. E allora ecco che affacciandosi si viene rapiti dalla bellezza drammatica dei prati verdi bordati d'acqua, su cui si spande l'inconfondibile luce nordica, lirica e sfumata. Di colpo ci si ritrova catapultati in un quadro rinascimentale, ma restando comodamente seduti su una poltrona in stile industriale.

@ Filip Dujardin

Per non interferire con la scenografia naturale, gli arredi sono essenziali, con alcuni elementi che spiccano sugli altri, come le sedute vivaci, a contrasto coi colori neutri, grigi soprattutto, della palette cromatica, o la scala imponente e scultorea, dal sapore industrial. Ma non finisce qui: se la mano dell'uomo può costruire isole dal nulla, allora anche il paesaggio può essere ritoccato, applicandogli dei filtri come si farebbe con una foto.

@ Filip Dujardin

Ciascuna finestra ha uno schermo solare integrato con una stampa unica, che crea un effetto zoom sul panorama e gli cambia il colore. Questo rende l'atmosfera ancor più accattivante, innescando un cortocircuito tra cultura e natura in cui la casa è libera di dare sfogo alla propria identità, giocosa e poetica, contemporanea e non convenzionale.

 

 

@ Filip Dujardin

marckoehler.nl


di Elisa Zagaria / 24 Luglio 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

[Architettura]

Cinema del reale

5 documentari per architetti visti a Copenaghen

costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web