ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Casa e ufficio. 53 metri quadri a Taipei

Vivere e lavorare in uno spazio antico e moderno allo stesso tempo

53 mq a Taipei da abitare e utilizzare. Il Ganna Studio, della coppia di interior designer Shih-Jie Lin e Ting-Liang Chen, ha ristrutturato uno spazio degli Anni 70 mantenendo inalterata la struttura originale ma adattandola alle esigenze dell'abitare contemporaneo.

Molteplici le esigenze e le difficoltà progettuali. Da una parte la necessità di combinare e nello stesso tempo dividere la zona giorno dallo spazio attrezzato del lavoro, dall'altra di utilizzare l'unico affaccio disponibile che collega, attraverso una successione continua di ampie vetrate, l'intera casa al giardino di ingresso.
Il risultato? Una successione di luoghi che funzionano sia quando sono chiusi ed isolati, sia quando sono connessi tra loro attraverso un sistema di quinte mobili decorate. La cucina con l'annesso piano per il pranzo, l'area tv, lo studio e la camera da letto possono presentarsi come uno spazio unico o distribuite in angoli polifunzionali fortemente distinti esteticamente.
Il legno è un altro protagonista della casa insieme al design. Il portone rosso di ingresso, il parquet a lisca di pesce, il piano del tavolo da pranzo o le tavole di legno riciclato del piano di lavoro si alternano ad arredi famosi di brand internazionali. Alcuni esempi? Il divano Mah Jong Matelot per Roche Bobois di Jean Paul Gaultier è posato su un piano in cemento rialzato.
Una successione di sedute come la Panton Chair disegnata da Verner Panton per Vitra, la Plastic Armchair Rar degli Eames o lo sgabello Heide di Sebastian Wrong per Established & Sons sono solo alcune delle sedie che si alternano in maniera apparentemente casuale. Anche i corpi luminosi sono icone di design. Il lampadario a sospensione Cone Light Large di Tom Dixon o la luce a sospensione Neutra di Ferruccio Laviani per Kartell.

Sito:

http://ganna-design.com


di Benedetta Lamberti / 11 Giugno 2014

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Le location del potere

Le ambientazioni del film di Sorrentino, tra cinema e realtà

Costume

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web