ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Una casa vacanze nel bosco che si trasforma da più di cinquant'anni: è la Olson Cabin

Immerso nella natura il ritiro dell'architetto Jim Olson ha vissuto molte vite da quando era una casa sull'albero di 14 metri quadri

casa-vacanze-olson-cabin-jim-olson-olson-kundig
Kevin Scott

Un never ending project: sono passati quasi sessant’anni, ma la Olson Cabin, casa vacanze dell’architetto Jim Olson, potrebbe non essere ancora finita. Siamo nello stretto di Puget Sound, Washinghton, in una foresta scoperta nel 1792 da quel George Vancouver a cui è stata dedicata l’omonima città canadese. È il 1959 e Jim ha appena 18 anni quando suo padre gli mette tra le mani 500 dollari e un compito: costruire un rifugio nel bosco. I terreni sono di famiglia, c’è il cottage dei nonni, c’è un prato, una foresta. Così il freshman Jim inizia a costruire tra gli abeti non lontani la sua prima casa, sono solo 14 metri quadri. Ancora non sa che di lì a poco avrebbe avuto uno studio (Olson Kundig) nella vicina Seattle e che industriali e collezionisti di tutta America sarebbero stati i suoi committenti. Poi arrivano gli anni sessanta e con loro un terribile incendio, il cottage dei nonni va in fumo ma miracolosamente il rifugio nel bosco si salva. Iniziano i lavori di ampliamento. Prima quelli tra il 1981 e il 1997, quando la casa si compone di 3 volumi e una piattaforma alla base come collegamento. Poi nel 2003, quando i padiglioni vengono sormontati da un unico tetto, così da unificare la forma, e viene aperta la grande vetrata del soggiorno. Infine i lavori del 2014, con l’aggiunta di tre camere e un aumento dei metri quadri fino 220.

@Benjamin Benschneider

@Kevin Scott

Il concept su cui si fonda la continua evoluzione di questa casa vacanze è lo stesso su cui si è basata la trasformazione di due ville che abbiamo pubblicato in tempi non sospetti: la “Casa Entre la Pinada” di Fran Silvestre e la “Sheats–Goldstein Residence” di John Lautner. In ciascuno di questi progetti, infatti, l’idea di fondo è quella di fare in modo che ogni espansione e rimodellamento della casa originale riutilizzi e integri la struttura precedente. L’obiettivo? Rivelare la storia dell'architettura e il processo della sua evoluzione.

@Kevin Scott

Coerentemente con questa idea i materiali utilizzati da Jim Olson nelle varie vite della sua casa vacanze non sono diversi da quelli originari. La scelta è ricaduta su materiali semplici e facilmente reperibili: le pareti sono in legno e hanno un rivestimento di compensato sia all'interno che all'esterno. Invece coppie raddoppiate di colonne in acciaio supportano le travi e la copertura; mentre la pavimentazione è in abete.

La selezione dei materiali, così come delle cromie e delle texture, fanno sì che la Olson Cabin si mimetizzi perfettamente nel verde, rendendola uno straordinario osservatorio naturale in sintonia con il genius loci.

@Kyle Johnson

@Benjamin Benschneider

LEGGI ANCHE:

James Goldstein, la villa (probabilmente) più bella di Los Angeles e 100 partite NBA
Una casa nel bosco in Spagna disegnata da Fran Silvestre: Casa Entre la Pinada

 


di Pietro Terzini / 2 Agosto 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Grattacielo di legno

Sembrava impossibile, ma lo stanno per fare

progetti

[Architettura]

Alba albanese

Tutti i motivi per cominciare a programmare le vacanze in Albania

Travel

[Architettura]

Il sacro geometrico di Siza

L'architetto firma la chiesa di Saint Jacques de la Lande a Rennes

edifici pubblici

[Architettura]

The World is back

L'ultima follia di Dubai riemerge con un progetto di rilancio

Progetti

[Architettura]

Cani e gentrification

Cosa ci insegnano i cani di NYC, indicatori di una città che cambia

Costume

[Architettura]

Comfort zone

Aeroporti d'autore: a Oslo il primo terminal per farti star bene

edifici pubblici

[Architettura]

Il grattacielo 4.0

Carlo Ratti e BIG insieme per un grande progetto green a Singapore

progetti

[Architettura]

I giardini degli altri

Giardini giapponesi in giro per il mondo

Travel

[Architettura]

Amore e design

San Valentino nelle cinque capitali romantiche d’Europa

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali