ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Ampliare una villetta di fine '800

Melbourne: spazi flessibili, luce naturale e legno per una casa di famiglia

Enfatizzare la bellezza di un edificio storico – senza modificarne bruscamente il carattere - non è sempre facile. Quando nel 2012 lo studio ITN Architects è stato incaricato di ristrutturare e ampliare una villetta vittoriana nella parte Nord di Melbourne, a Clifton Hill, il pensiero è stato subito questo.


La richiesta dei committenti era quella di rendere l'abitazione più spaziosa, luminosa ed efficiente, pur nel rispetto del tessuto urbano del quartiere, nato e sviluppatosi a fine Ottocento. Gli architetti hanno risposto pensando a uno sviluppo armonioso della struttura originale, ampliata attraverso un nuovo volume in legno di pino, in piacevole contrasto con i mattoni delle abitazioni circostanti.

Sviluppata su due livelli, l'abitazione è pensata per accogliere luce naturale. Un progetto all'insegna della semplicità degli arredi – tutti disegnati su misura – e, soprattutto, della flessibilità degli spazi, richiudibili a seconda delle esigenze dei proprietari, una coppia con bambini piccoli. Il fil rouge è il legno, elemento che contraddistingue il vecchio dal nuovo e che definisce gli ambienti di vita della casa.

Altro aspetto importante in questo intervento di recupero, è sicuramente costituito dal rapporto con l'esterno: due cortili interni e un terrazzino in legno e mattoni offrono delle aree discrete e private di relax, lontane anni luce dal traffico della città.

Infine, un'attenzione particolare agli aspetti di efficienza energetica, attraverso la creazione di un involucro capace di trattenere il fresco in estate e il calore durante la stagione fredda e la scelta di materiali bio-degradabili. “Siamo felici: le due strutture – vittoriana e contemporanea – risultano fuse insieme e in più sappiamo di impattare il minimo sull'ambiente”, ha dichiarato il progettista Aidan Halloran.


di Marzia Nicolini / 19 Maggio 2014

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

[Architettura]

Cinema del reale

5 documentari per architetti visti a Copenaghen

costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web