ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Sono 105 le nuove case fronte mare nel porto di Copenhagen

3 architetture monolitiche in mattoni rossi occupano Krøyers Plads nel cuore della città

case-fronte-mare-porto-copenhagen-06

Le 105 case fronte mare affacciate sul porto di Copenhagen occupano Krøyers Plads

Mattoni rossi e tetti a falde dalle geometrie discontinue definiscono i caratteri distintivi dei nuovi volumi residenziali delle case fronte mare affacciate sul porto di Copenhagen, firmati dallo studio danese Cobe, in collaborazione con i connazionali Vilhelm Lauritzen Architects.

La particolare collocazione del sito di Krøyers Plads, un’area pregiata ritagliata nel centro della capitale danese, a due passi dalla Royal Playhouse e circondata dai locali più frequentati della città, lo hanno reso oggetto, nel corso degli anni, di numerose sperimentazioni progettuali, molte delle quali rimaste sulla carta. La forza della proposta di Cobe e Vilhelm Lauritzen, che ha determinato il successo del progetto degli appartamenti vista mare e la sua realizzazione, è legata al processo di partecipazione e coinvolgimento della popolazione residente in tutte le fasi creative, dal concept insediativo, alla scelta dei materiali.

Si tratta di un approccio iper-democratico, che però è qualcosa di molto lontano dalle sperimentazioni infarcite di ideologia degli anni ’70. A Copenhagen è stata messa in campo una narrazione architettonica che, attraverso il dialogo con la comunità locale, ha cercato di creare un luogo urbano completo, sia dal punto di vista del linguaggio e degli spazi pubblici e privati, che da quello della loro intensità d’uso. Come nuova residenza, o solo per godersi una passeggiata al sole, lungo il molo.

Nel luogo dove oggi sorgono i tre blocchi residenziali alti 5 piani, capaci di ospitare 105 appartamenti di diversi tagli e valorizzati dalla presenza di spazi commerciali e ristoranti affacciati sui pontili in legno che guardano il vecchio porto, c’era uno spazio vuoto, senza identità, che interrompeva lo skyline di Copenhagen, caratterizzato dalla presenza dei magazzini a servizio delle banchine e delle navi.

I nuovi volumi si ispirano alle sagome di questi edifici industriali, caratterizzati da tetti con falde spioventi e da generose volumetrie monolitiche, rimodellandone le forme, attraverso operazioni di piegatura e sottrazione. L'approccio è stato quello di tradurre tutte le caratteristiche significative dei vecchi magazzini, come i frontoni, la pesantezza, l’altezza dei blocchi e la loro materialità, in un design moderno dotato di parametri che soddisfino esigenze sia funzionali che ambientali.

Spiega Thomas Scheel, partner di Vilhelm Lauritzen: «Fin dall'inizio eravamo decisi a creare i primi condomini al mondo riconosciuti con il Nordic Ecolabel: un marchio che richiede standard molto elevati per la sostenibilità, sia in termini di qualità ambientale che costruttiva».

Le residenze di Krøyers Plads, combinano quindi alti livelli qualitativi in termini di design e organizzazione degli ambienti pubblici e privati, che si coniugano con prestazioni eccellenti in materia di risparmio energetico. Un esempio? Se per essere insigniti del Nordic Ecolabel gli edifici devono essere di almeno il 25 per cento più efficienti rispetto ai requisiti di legge applicabili, il complesso di Krøyers Plads lo è quasi per il 40 per cento!

Un motivo in più per scegliere questi condomini come nuova casa; occasione che gli abitanti di Copenhagen non si sono fatti scappare, infatti tutti gli appartamenti sono stati venduti molto tempo prima che la costruzione avesse inizio.

http://www.cobe.dk/
SCOPRI ANCHE:
MVRDV e COBE insieme per Ragnarock


di Massimiliano Giberti / 31 Gennaio 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Relax nel Dorset

Ström Architects firma la casa ideale dove ritirarsi in pensione

casa moderna

[Architettura]

Lord Meier

L'archistar statunitense firma un progetto nell'Oxfordshire

casa moderna

[Architettura]

Rifugio per surfisti in Cile

Materiali locali, tecniche tradizionali e design contemporaneo

casa moderna

[Architettura]

La terraced house cambia look

La trasformazione moderna di una tipica casa a schiera a Londra

restyling

[Architettura]

Il fantasma di Pablo

Viaggio in Colombia nei luoghi di Escobar

itinerari

[Architettura]

Vivere negli Hamptons

Come cambia la vita, e la casa, nelle location più esclusive?

costume

[Architettura]

15 case nella storia

Un viaggio negli edifici simbolo dell'ultimo secolo, dal modernismo ai giorni nostri

top ten

[Architettura]

Una casa tutta di vetro nella natura

A Dallas una casa super moderna, che sembra fluttuare in un giardino tropicale

Casa moderna

[Architettura]

Una casa alla Le Corbusier

Una villa sulla spiaggia disegnata da Fran Silvetsre

Casa vacanze

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web