ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

A demogo il Premio Giovane Talento dell'Architettura Italiana 2015

Intervista agli architetti dello studio trevigiano, premiato dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori con il prestigioso riconoscimento

Lo studio demogo, composto da Davide De Marchi, Alberto Mottola e Simone Gobbo, ha ricevuto il riconoscimento del Premio Giovane Talento dell’Architettura Italiana 2015, conferito dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori. Fondato nel 2007 a Treviso, fin dalle sue prime opere ha dimostrato un costante impegno nella sperimentazione architettonica per la costruzione di progetti, in Italia e all’estero, capaci di cogliere e comunicare un personale approccio alla contemporaneità. Caratteristica di demogo, che affronta in parallelo progettazione e ricerca, è l’attenzione al contesto urbano e paesaggistico interpretato come fonte inesauribile di storie e momenti di ispirazione che concorrono al disegno della nuova architettura.

A pochi giorni dalla cerimonia ufficiale di premiazione, che si terrà a Roma il 18 dicembre, abbiamo incontrato i membri dello studio per approfondire la loro visione e il loro approccio alla materia.

Nel vostro lavoro è sempre posto in primo piano il ruolo del contesto. Come declinate il contesto ai differenti stadi della progettazione architettonica?
Abbiamo un approccio tendenzialmente molto esteso, cerchiamo di indagare utilizzando e costruendo noi stessi strumenti di analisi differenti in ogni progetto e, di conseguenza, in ogni contesto. È un metodo dispendioso, molto lento e personale, spesso influenzato dai nostri interessi individuali, e dalla percezione che ognuno di noi ha del sito.

Interessante e stimolante per la professione dell’architetto è potersi confrontare con rapporti di scala del progetto sempre diversi. Partendo dall'analisi delle esperienze del municipio di Gembloux e del Bivacco Fanton, esistono possibili analogie tra il pensare un oggetto XL e il pensare un oggetto XS?
In realtà il livello di complessità non ha per noi relazioni dirette con le scale differenti dei progetti, cerchiamo in ogni caso di aumentare e amplificare i dati di studio, di allargare il campo delle possibilità originali, le implicazioni sulla scala hanno una maggiore ricaduta sulle possibilità di controllo dell'opera finale. Questo aspetto è molto interessante e mostra i limiti tra lo spazio ideale, elaborato nelle discussioni nei tracciati, e lo spazio costruito, sottoposto al dominio dell'abitare.

Qual è la vostra idea di comfort per uno spazio interno e quali elementi concorrono al felice raggiungimento dell’obiettivo? 
Abbiamo in genere un approccio spaziale al progetto, ci interessa la regola e la sua conseguente possibilità di deformazione. La nostra stessa idea di comfort ha a che fare con la dimensione e la luce dell'architettura, discutiamo molto sulla percezione e le reazioni che il progetto dovrebbe evocare.

Non siete estranei ai premi, già in passato avete ricevuto importanti riconoscimenti. Come considerate questi momenti di vittoria? Sono occasioni per stimolare a fare ancora di più, sono appaganti soddisfazioni del lavoro svolto, o altro ancora? 
Ognuno di noi vive questi momenti in modi differenti, sono spesso legati all'emotività che ci attraversa. La vita di uno studio è poco incline alla linearità, progressi ed errori convivono quotidianamente; è qualcosa che ti rende talvolta instabile, ma probabilmente è l'unico modo per continuare con intensità ed onestà in questo percorso di ricerca comune.

demogoarchitecture.wordpress.com
www.awn.it


di Giovanni Carli / 16 Dicembre 2015

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Una casa d'autore in palio

Il nuovo progetto di Alberto Campo Baeza è un omaggio a Barragán

casa moderna

[Architettura]

Il pollaio? Sì, ma minimalista

Dopo questa chicken coop 2.0 la fattoria non sarà più la stessa

arredi outdoor

[Architettura]

Nuovo polo creativo a Miami

Un grande volume bianco firmato Oma porta la cultura a Mid Beach

musei

[Architettura]

Una scuola très chic

L'inconfondibile gusto francese di Jacques Ferrier a Pechino

Architettura contemporanea

[Architettura]

Il nastro cinese di Möbius

Un enorme anello di vetro e acciaio spicca nel Chaoyang Park di Pechino

uffici di design

[Architettura]

La mecca del design a Londra

Il nuovo London Design Museum nel quartiere di Kensington

musei

[Architettura]

Vivere in garage

Andy Martin trasforma un rifugio per auto in una casa moderna

restyling

[Architettura]

2 architetti per gli USA

Barack Obama sceglie Frank Gehry e Maya Lin

Premi

[Architettura]

Il ponte infinito

A Changsha un’infrastruttura oltre i confini dell’immaginazione

Architettura contemporanea

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web