ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Colonie su Marte, Utopia o futuro?

Non solo SpaceX, ma anche Emirati e Cina si preparano per il Pianeta Rosso e lo fanno insieme agli architetti

00-colonie-marte-big-boeri

Se fino ad oggi Total Recall (ma quello originale) è considerato un film di fantascienza, probabilmente a breve non lo sarà più. Quindi Philip Kindred Dick, scrittore di abbacinante immaginazione o improbabile profeta? Forse la seconda. Infatti mentre Elon Musk annuncia che SpaceX inizierà la colonizzazione di Marte entro il 2022 (se la matematica non è un’opinione mancano solo 5 anni!) anche Emirati Arabi e Cina puntano i telescopi sul Pianeta Rosso. Fervono i preparativi di una futura conquista della galassia? Beh per adesso quello che trapela sono soltanto i visionari progetti per le colonie che hanno coinvolto nella loro ideazione anche grandi firme dell’architettura.

 

 

Il governo degli Emirati Arabi Uniti ha annunciato la costruzione della Mars Science City: il modello di una futura colonia marziana (ma sulla Terra). Costata 140 milioni di dollari la Mars Science City è stata progettata da un team di scienziati, ingegneri in collaborazione con Bjarke Ingels Group (BIG). Racchiusa da una gigantesca cupola trasparente, con i suoi 1.9 milioni di metri quadrati, diventerà la più grande città di simulazione spaziale mai costruita. All’interno programmi per ricercatori e visitatori. Si prevedono laboratori per lo studio del cibo, dell'energia e dell'acqua; paesaggi per la sperimentazione agricola e un museo.

 

 

BIG ha rivelato che il concept generativo del progetto è l'architettura vernacolare. Infatti, proprio come questa si è evoluta adattandosi ai climi e ai paesaggi locali, così il Mars Science Center è stato sviluppato in base alle caratteristiche del pianeta rosso. Gravità ridotta, bassa pressione, freddo estremo e alto livello di radiazioni cambiano in modo sostanziale i gli strumenti a disposizione dell’architettura. Le forme e gli spazi della colonia sono quindi inedite e inaspettate.

 

 

Anche in Cina l’occhio è volto al futuro, e il Pianeta Rosso è nel mirino. SBA China insieme al Future City Lab della Tongji University ha addirittura pensato ad un possibile Bosco Verticale su Marte per la Shanghai del 2117 (che non sarà più sulla Terra).

Ecco dunque, in collaborazione con l’Agenzia Spaziale cinese, la visione onirica di una colonia sul Pianeta Rosso: la “Colonia di Boschi Verticali su Marte”.

 

 

Il progetto è stato presentato qualche giorno fa alla grande esibizione SUSAS 2017 (Urban Space and Art Season) che quest’anno è stata curata proprio da Stefano Boeri, insieme a Lee Xiangning, dean of School of Architecture and Urban Planning of Tongji University e Fang Zhenning, artista contemporaneo indipendente e critico internazionale.

Colonie su Marte, Utopia o futuro?

LEGGI ANCHE:

La cattedrale nel deserto di Zaha Hadid


di Pietro Terzini / 28 Ottobre 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

[Architettura]

Cinema del reale

5 documentari per architetti visti a Copenaghen

costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web