ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

I segreti dei fornai nella "Casa del Pane" di Coop Himmelblau

Paneum, il nuovo progetto firmato dallo studio Coop Himmelb(l)au, un'architettura contemporanea nel cuore della campagna austriaca

00-coop-himmelblau-paneum-casa-del-pane-asten

Il nuovo progetto Paneum dello studio Coop Himmelb(l)au

Chissà cosa avranno pensato gli abitanti di Asten, un piccolo centro di soli 6300 abitanti nel cuore della campagna austriaca, quando avranno visto per la prima volta questo edificio chiamato Paneum, "La casa del pane", progettato dal famoso Coop Himmelb(l)au. Lo studio, guidato da Wolf D. Prix, è uno di quelli che davvero stanno cambiando lo stile delle città, grazie a una visione progettuale molto all'avanguardia. Già dal nome si può capire lo spirito rivoluzionario con cui sin dall'inizio, nel 1968, lo studio ha iniziato a progettare e proporre usando come parametri nuovi schemi non convenzionali. Coop Himmelb(l)au infatti nasce dal gioco di parole che si forma leggendo o no la lettera "l" che viene scritta tra parentesi. Tradotto in italiano significa cooperativa di un edificio che sta in cielo.

Tra i progetti più simbolici dello stile così sperimentale che contraddistingue Coop Himmelb(l)au, che ha sede anche a Los Angeles, si possono citare UFA Cinema Palace a Dresda, il BMW Welt a Monaco, la House of Music II a Aalborg in Danimarca. Sono tutti progetti che sembrano sfidare le leggi di gravità, maestosi nelle dimensioni e dirompenti nelle proporzioni. Ricordano molto la cifra stilistica di altri grandi studi di architettura contemporanei, quali Zaha Hadid, Frank O. Gehry, Peter Eisenman, che vennero infatti messi a confronto nella mostra "Deconstructivist Architecture" al Museum of Modern Art di New York nel 1988, insieme a Daniel Libeskind, Rem Koolhaas, Bernard Tschumi e a Coop Himmelb(l)au. Anche questo ultimo progetto Paneum realizzato dallo studio austriaco si presenta come qualcosa di totalmente nuovo e diverso. Commissionato dal gruppo Backaldrin, che proprio in quel paesino ha cominciato la sua attività nella produzione di farine e ingredienti per prodotti da forno, è stato concepito per essere un Centro di Informazione Clienti e un Forum per eventi dell'azienda.

Il Paneum di Coop Himmelb(l)au è composto da due elementi: un edificio di base a forma di parallelepipedo, che funge da hall e sale per eventi, e la così chiamata "Wunderkammer des Brotes", un'area espositiva su due piani, che reinterpreta in chiave moderna il concetto della "camera delle meraviglie" del passato. Con la sua forma morbida e ondulata, in un atrio circolare racchiuso da una scala a spirale si possono ammirare quadri, manufatti e piccoli oggetti che ripercorrono la storia del pane. E per meglio evidenziare le due diverse funzioni dell'edificio, sono stati scelti materiali diversi: il piano terra è in cemento a vista, la parte superiore ha una struttura in legno lamellare rivestita con lastre in acciaio.

coop-himmelblau.at

LEGGI ANCHE:

Iniziano i lavori di The One, il nuovo grattacielo del Canada

Curva è bella, una casa moderna in una terra antica

Hai sempre sognato una casa di Frank Loyd Wright

 


di Maria Chiara Antonini / 25 Ottobre 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

[Architettura]

Cinema del reale

5 documentari per architetti visti a Copenaghen

costume

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web