ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Copertura dell'arena di Verona, si o no? I progetti e il dibattito

È di uno studio tedesco il tetto hi-tech che potrebbe proteggere il monumento-icona della città veneta dalle intemperie, ma è già polemica

copertura-arena-di-verona-progetto-vincitore

L'arena di Verona è in questi giorni al centro del dibattito politico e architettonico: a infiammare gli animi di chi è pro e di chi “no, assolutamente no” è il concorso di idee per la copertura dell'anfiteatro romano fortemente voluto dal sindaco della città Flavio Tosi e sostenuto dall'imprenditore Sandro Veronesi, Presidente del Gruppo Calzedonia.

Nell'aula magna del Politecnico di Milano sono stati presentati i tre progetti vincitori di un concorso nato con il difficile obiettivo di pensare a un sistema di copertura reversibile e realizzabile per “proteggere il monumento senza snaturare il contesto” spiega Marco Mastroianni, direttore generale del Comune di Verona, che più volte cita l'esempio del velarium degli anfiteatri romani.

Tra le 84 proposte pervenute (tra le quali il 28% dall'estero), la spuntano i tedeschi Hubert Nienhoff e Knut Stockhusen dello studio Sbp&Gmp, con il progetto di un anello perimetrale posato sul margine superiore dell'architettura: un anello d'acciaio a sostegno dei cavi retrattili su cui si poserà la copertura vera e propria, fatti di teli che si aprono a ventaglio e si richiudono impacchettandosi lateralmente.

Al secondo posto Vincenzo Latina, architetto di Siracusa che propone un anello strutturale in sommità e un sistema di cavi aerei, questa volta fissi, a supporto di una serie di camere d'aria che, gonfiandosi, riescono ad accostarsi.

Il progetto arrivato terzo è quello di Roberto G. M. Ventura di Codogno (Lodi): una copertura posata su una gabbia di pali esterni all'anello dell'arena che prevede un sistema di raccolta dei teli centrale, sull'esempio della protezione realizzata per lo stadio di Varsavia in occasione degli Europei di Calcio del 2012.

Se l'amministrazione comunale e Veronesi sono unanimi nel sostenere la necessità di proteggere il monumento dalla pioggia che penetra nei gradoni e provoca continui crolli, e magari anche di coniugare il restauro con l'ampliamento delle possibilità di fruizione, dal fronte dei “no” si alza la voce di Vittorio Sgarbi, che al FQ Magazine si dice convinto che si tratti di “un crimine, un’idiozia totale”.

Il processo è comunque ancora lungo: servirà il nulla-osta ai vincoli architettonico e paesaggistico del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e, nell'ordine, un progetto esecutivo, circa un anno e mezzo di cantiere e 13 milioni di euro, per i quali si fa affidamento sull'Art Bonus e, soprattutto, su Sandro Veronesi.


di Carlotta Marelli / 3 Febbraio 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Il nuovo memoriale di Libeskind

Una stella di David contro le forme "razionali" dello sterminio

Architettura contemporanea

[Architettura]

L'osservatorio da abitare

Un innovativo concept a Roccascalegna, perla medievale in Abruzzo

progetti

[Architettura]

Ritorno al futuro a Dubai

Itinerario alla scoperta di una città che ha già un piede nel futuro

itinerari

[Architettura]

Un Museo della Romanità in Francia?

A Nîmes il progetto di de Portzamparc, tra storia e modernità

Musei

[Architettura]

Berlino città verticale?

Upper West Tower, cronache dalla Berlino dei grattacieli

costume

[Architettura]

Cosa vedere a Perugia

Viaggio tre le architetture contemporanee della città umbra

itinerari

[Architettura]

Mostri all'italiana

Le architetture abbandonate fotografate da Amélie Labourdette

costume

[Architettura]

Scuole di terra

L’architettura d'emergenza pensata da EAHR per i campi profughi

Architettura contemporanea

[Architettura]

Venezia città aperta

Chipperfield restaurerà le Procuratie Vecchie di piazza San Marco

progetti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web