ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Dominique Perrault a Versailles restaura il Padiglione Dufour

A Parigi l'architetto francese progetta un rivestimento hi-tech, una nuova pelle dorata per lo shop del museo, l'auditorium e il ristorante stellato

A Parigi Dominique Perrault, vincitore nel 2011 del concorso internazionale per il ridisegno dell’ingresso principale della reggia di Versailles, interviene all’interno e all’esterno della vecchia ala del palazzo restaurando il padiglione Dufour.

Il progetto è elegantissimo e quasi un omaggio al fasto e al decoro della residenza reale della corte di Francia. Ispirato da un dipinto di Maria Leszczyǹska, regina consorte di Francia e moglie di Luigi XV, ritratta in una veste di broccato dorato, Perrault ha immaginato una nuova pelle tridimensionale hi-tech per le prime sale che aprono al percorso di visita. Sono quattro i livelli di intervento sul padiglione: il livello del giardino ospita un’ampia scalinata che consente di raggiungere l’interrato e diventa via di uscita al termine del tour; l’interrato è trasformato nel museum shop, ricavato nelle vecchie cisterne; il secondo piano invece è occupato dal nuovo ristorante dello chef pluristellato Alain Ducasse; infine il terzo piano diventa auditorium per concerti, conferenze e proiezioni.

La scenografica sala reception, momento di arrivo a palazzo per i visitatori, si dichiara con un soffitto ondulato realizzato in listelli metallici dorati traforati. Il design ricorda l’antica tecnica delle volte, ora rovesciata, rivisitata e impreziosita. Alle pareti troviamo una serie di lampadari-scultura a scaglie curvate sempre sul tono dell’oro cangiante.

Anche i varchi dei portali tra le stanze sono segnati da rivestimenti d’oro. Versailles si aggiorna alla tecnologia ma senza rinunciare al peccato dell’eccesso e al piacere dello spettacolo. La scalinata di Perrault permette un nuovo uso della corte del Pavilion Dufour, annullando quel senso di chiusura di un tempo e liberando e scavando lo spazio; in aggiunta gli effetti di luce e le riflessioni dell’oro dilatano i confini, come la tradizione settecentesca delle note gallerie degli specchi, che proprio da Versailles dettarono moda in tutti i palazzi reali d’Europa.

Dominique Perrault parla di un progetto, quello della scala, inteso come uno strumento ottico per portare la luce al centro della terra. Il progetto è anche funzionale, in quanto risolve i sistemi di percorrenza di visita: il nuovo intervento traccia un percorso ad anello che inizia e si conclude al padiglione Dufour, rendendo la reggia di Versailles paragonabile a un vero e proprio museo contemporaneo.

SCOPRI ANCHE: 
Olafur Eliasson a Versailles
 All'EPFL di Losanna il restyling di Dominique Perrault


di Giovanni Carli / 27 Giugno 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Il cielo in una terrazza

Un bianco gioco di volumi per una specialissima casa con vista

casa vacanze

[Architettura]

4 architetti innamorati

Storie d'amore e di complicità in attesa di San Valentino

San Valentino

[Architettura]

Architettura pop

Ma anche rock o elettronica: 13 videoclip in architetture famose

Costume

[Architettura]

Nella natura a Buenos Aires

Una casa nel parco, completamente di legno, per chi ama il silenzio

Case in legno

[Architettura]

Country pink

4 ville con piscina firmate dal più eclettico architetto coreano

case con piscina

[Architettura]

Tra cocooning e natura

In Cile una casa avvolta dalle querce di una foresta privata

Case in legno

[Architettura]

La giungla in hotel

Pareti verdi e piante tropicali per un albergo in Vietnam

hotel

[Architettura]

Prefabbricato taylor-made

Da Studio Mapa un modulo che diventa rifugio, showroom e hotel

casa moderna

[Architettura]

Arte, architettura e paesaggio

La firma di Snøhetta per il Museo d’Arte e il cinema di Lillehammer

musei

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web