ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

(W)ego, il condominio di MVRDV che tutti gli abitanti di Eindhoven hanno fotografato in questi giorni

L'installazione di MRVDV alla Dutch Design Week vuol far riflettere sul rapporto tra noi e gli altri nella condivisione e gestione degli spazi

Courtesy photo Ossip van Duivenbode

Ai Eindhoven i passanti che hanno attraversato Markt Square nei giorni scorsi si sono imbatutti in (W)ego: un condominio (o forse un hotel?) composto da nove coloratissimi ambienti, flessibili e trasformabili, che possono essere mossi e riconfigurati adattandosi alle esigenze degli occupanti. Simile a un grande cubo di Rubik o a un edificio progettato da Lewis Carroll, l’installazione fa parte di un più grande progetto, diviso in capitoli, sul futuro delle nostre città, presentato dallo studio di architettura di Rotterdam MVRDV e dal suo laboratorio di ricerca The Why Factory alla Dutch Design Week 2017.

 

Leggi anche → La Dutch Design Week 2017

Il tema affrontato plasticamente da (W)ego è che “la città del futuro è flessibile”. In che senso? 

Anche se alla settimana del design olandese erano visibili soltanto due versioni, le configurazioni di (W)ego possono cambiare in modo da assecondare i bisogni dei residenti e i diversi rapporti che intercorrono tra loro. L’interrogativo è: quanto siamo disposti a concedere ai nostri vicini, a rinunciare alle nostre intenzioni egoistiche? Per rispondere, l’installazione rappresenta i nostri scopi personali in modo iperbolico, esagerato, provocatorio: all’interno delle nove stranissime stanze dai colori psichedelici, potremmo avere il desiderio di dormire sospesi in aria, o in un giardino pensile verticale, di abitare una stanza fatta di scale, o una grotta luccicante. Il punto è che, quale che sia il nostro sogno, esso confliggerà con quello di qualcun altro. Serve quindi imparare e a negoziare e a convivere.

“Il massimo della densità potrebbe equivalere al massimo dei desideri”, ha spiegato il cofondatore di MVRDV, Winy Maas, uno dei tre ambasciatori della Dutch Design Week di quest’anno. “Questa ricerca esplora il potenziale della negoziazione in contesti densi. Attraverso il gioco e altri strumenti, (W)ego studia il modo in cui il design partecipativo può modellare i desideri e gli ego in competizione nel modo più onesto possibile”

Ogni spazio è progettato per accontentare diversi occupanti con arredi diversi: grandi scaffalature nello spazio viola verticale; scale a pioli e amaca in quello verde acido; altra scale serpeggiano in un’abitazione rosa su più piani, fino all’attico dove regna il giallo. All’interno dell’installazione, un video illustra accuratamente il tema del vivere “flessibile”.

Chissà se le abitazioni del futuro saranno capaci di adattarsi in tempo reale ai bisogni dell’utente. La speranza qui suggerita è che nell’incontro con l’altro, il nostro ego si trasformi, si fonda con il noi (we), diventi (W)ego. Perché negoziandosi può scoprire che è possibile costruire insieme al vicino qualcosa di più interessante, o che l’insieme è migliore della somma delle parti.

Tra gli altri temi del progetto "The future city is wonderful", ci sono anche il verde, l’intimità, la grandezza. MVRDV - che ha sede a Rotterdam ed è l'acronimo dei fondatori Winy Maas, Jacob Van Rijs e Nathalie De Vries - ha presentato alla DDW 17 altri tre progetti, tra cui Copy Paste (copia incolla): una guida per diventare Archistar che invita gli architetti a copiare di più, perché quella dell’originalità fine a sé stessa sta diventando una vera e propria sindrome. 

mvrdv.nl

ddw.nl


di Roberto Fiandaca / 30 Ottobre 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Le location del potere

Le ambientazioni del film di Sorrentino, tra cinema e realtà

Costume

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web