ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Felice Varini, le illusioni ottiche e Le Courbusier a Marsiglia

Si intitola À ciel ouvert l'ultimo intervento sulla terrazza della Cité Radieuse: figure geometriche e colori primari che giocano con l'architettura

Felice Varini affronta il vis à vis con l'architettura di Le Corbusier a MAMO, il centro d'arte creato da Ora Ito sulla terrazza sul tetto della Cité Radieuse di Marsiglia. (Se siete lì, non perdete l'intervento di Mendini nell'Appartement n° 50. Leggi l'articolo completo)

Invitato da Ora Ito per la sua capacità unica di giocare con lo spazio e di valorizzare un'architettura così come un'intera città, Varini è intervenuto dipingendo figure geometriche rosse e gialle che cambiano continuamente con il punto di vista.

I colori primari di À ciel ouvert – questo il titolo dell'opera – valorizzano le diverse parti dell'architettura interna ed esterna, mentre le forme geometriche modulari dialogano armoniosamente con la costruzione modernista.

Parlando del suo lavoro, l'artista spiega “Generalmente setaccio il luogo analizzandone architettura, materiali, storia e funzione. Sulla base dei suoi diversi dati spaziali definisco un punto di vista attorno al quale dare forma al mio intervento. Per me un punto di vista è un punto nello spazio scelto con cura: di solito è situato al livello dei miei occhi e, preferibilmente, in un passaggio chiave, ad esempio tra una stanza e l'altra, o lo sbarco di una scala. Ma non si tratta di una regola, in quanto spesso gli ambienti non hanno un percorso predefinito e la scelta è spesso arbitraria. Il punto di vista funziona come un punto di interpretazione, un potenziale punto di partenza per avvicinarsi alla pittura e allo spazio. La forma dipinta trova un proprio senso quando lo spettatore si trova in questo luogo. Quando se ne allontana, il lavoro incontra lo spazio generando un numero infinito di forme.”

L'opera di Varini segue gli interventi di Xavier Veilhan, Daniel Buren e Dan Graham per MAMO abbreviazione di Marseille Modulor ma anche di Marseille Main Ouverte, la famosa mano aperta progettata da Le Corbusier, realizzata dopo la sua morte e visibile a Chandigarh, in India.

fino al 2 ottobre 2016
Felice Varini
À ciel ouvert
MAMO
Centre d’art de la Cité Radieuse
280 Boulevard Michelet, Marseille

mamo.fr

SCOPRI ANCHE:
Le sculture di Daniel Buren a Marsiglia


di Carlotta Marelli / 6 Luglio 2016

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Le location del potere

Le ambientazioni del film di Sorrentino, tra cinema e realtà

Costume

[Architettura]

I giardini più belli di New York

Un nuovo libro sugli spazi verdi meno conosciuti della città

Travel

[Architettura]

Dentro la Torre Prada

Una visita, anzi 3, dentro l’ultima architettura di OMA

Musei

[Architettura]

Creatività a passo di tango

Guida di viaggio a Buenos Aires in 10 tappe

Travel

[Architettura]

Week end al Monte Verità

Un itinerario nella vecchia colonia di Herman Hesse

Travel

[Architettura]

Palazzo Citterio, porte aperte

6.500 mq dedicati ad arte moderna e mostre temporanee

restyling

[Architettura]

15 film d'architetto

I film famosi che un architetto deve vedere almeno una volta

Costume

[Architettura]

Asfalto e pallone

Se il calcio italiano (come l'urbanistica) deve ripartire dalle periferie

Costume

[Architettura]

Il Guggenheim nel deserto

Rapponen porta le architetture di NY nei paesaggi più remoti

progetti

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web