ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La prima architettura spagnola di Renzo Piano

L’architetto italiano firma il nuovo museo della Fondazione Botini, una delle più importanti fondazioni culturali private spagnole

fondazione-botin-renzo-piano-santander
© Fundación-Botín, Gerardo-Vela, Belén-de-Benito

Ben visibili i grandi dischi in ceramica che ricoprono il Museo della Fondazione Botìn di Renzo Piano a Santander in Spagna

Il 23 giugno a Santander, sulla costa cantabrica della Spagna settentrionale, verrà inaugurato il Centro Botìn, nuovo spazio artistico firmato da Renzo Piano. L’architetto italiano è l’autore di questo edificio che ospiterà il museo di una delle fondazioni culturali private più importanti della Penisola Iberica, che ha da poco siglato un'importante partnership con il Museo del Prado.

Tutte le foto: © Fundación-Botín, Gerardo-Vela, Belén-de-Benito

La prima costruzione interamente progettata da Renzo Piano Building Workshop in terra spagnola, offrirà ai visitatori 10.285 metri quadrati di spazi per mostre temporanee e per la vasta collezione di opere d'arte contemporanea della Fondazione Botín: una ricca programmazione artistica, culturale ed educativo che porterà ulteriore dinamismo alla città di Santander desiderosa di avere un luogo privilegiato dedicato alla cultura.

Gli oltre 10.000 mq saranno divisi in sale da 2.500 mq, un auditorium con una capienza di 300 posti, un ristorante e una serie di aree di lavoro e servizi. Il complesso, posizionato su un’altura, si protrae sull’acqua dell’oceano sul quale offre una splendida vista ed è costituito da due edifici posti su pali di cemento e collegati con una struttura centrale.

L’edificio, la cui posizione consente anche di riabilitare un vecchio spazio di parcheggio per i traghetti, è circondato da un ampio parco, un tempo Giardini storici de Pereda, che ora rimodellati dal paesaggista Fernando Caruncho in collaborazione con RPBW, giungono fino all’oceano. Il progetto ha previsto un edificio di colore bianco ricoperto da dischi in ceramica capaci di cambiare colori in base all’incidenza della luce solare e accoglie i propri visitatori con una scultura permanente di Cristina Iglesias posizionata davanti all’entrata.

Iñigo Sáenz de Miera, Direttore Generale della Fondazione, commenta così l’evento: "Abbiamo voluto, per l’importante centro artistico Botìn, uno spazio vivace e accogliente dove le persone possano divertirsi, imparare e venire ispirate da tanta bellezza, ma anche un generatore di ricchezza economica, sociale e culturale per la  Cantabria e il nord della Spagna".

Il Museo verrà inaugurato il 23 giugno 2017 con due mostre: una dedicata all'artista artista tedesco Carsten Höller e l’altra ai disegni di Goya.

www.rpbw.com

www.centrobotin.org

SCOPRI ANCHE:
Le vele di Renzo Piano a Tempio Pausania
→ Una borsa firmata Renzo Piano
→ Il nuovo Whitney
→ Cantina Pordenuovo


di Paola Testoni / 10 Aprile 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Street basket a Pigalle

Il playground più cool di Parigi è a Pigalle

installazioni

[Architettura]

Un nuovo museo in Qatar

Jean Nouvel firma la nuova sede del National Museum of Qatar di Doha

musei

[Architettura]

La Valletta in 10 tips

Alla scoperta di una delle città più sottovalutate d'Europa

itinerari

[Architettura]

I pinguini e l’architettura

Il video che mostra l’Iceberg di Aarhus abitato dai pinguini

costume

[Architettura]

Riscoprire il Danubio

Il restyling di una casa galleggiante sul fiume in Romania

mini case

[Architettura]

Sorvolare la foresta senza ali

Un percorso sugli alberi che si fonde con la natura

progetti

[Architettura]

Palermo moderna

Il volto sconosciuto della capitale della cultura 2018

itinerari

[Architettura]

Zaha Hadid e l'Italia

Una mostra e un itinerario per scoprirla nel nostro paese

mostre

[Architettura]

Milano non ti conosco

8 indirizzi davvero sconosciuti da scoprire

itinerari

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web